Live Sicilia

Palermo

L'operazione 'Cupola 2.0'
Il sequestro del panificio


corso calatafimi, panificio, sequestro

Salvatore Marino è ritenuto componente della famiglia mafiosa palermitana di corso Calatafimi.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - I carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Palermo, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal gip, nei confronti di Salvatore Marino, palermitano 52 anni, ritenuto componente della famiglia mafiosa palermitana di corso Calatafimi. L'uomo, il 4 dicembre scorso, era stato sottoposto a decreto di fermo nell'operazione Cupola 2.0, con l'accusa di associazione di tipo mafioso e portato nel carcere Lorusso di Pagliarelli. Marino è accusato di trasferimento fraudolento di valori. Le indagini coordinate dalla direzione distrettuale antimafia, avrebbero consentito di dimostrare che l'uomo, al fine di eludere eventuali misure di prevenzione patrimoniali, aveva fittiziamente trasferito la proprietà di un panificio in zona corso Calatafimi a dei prestanome, tra ottobre e novembre dell'anno scorso. L'esercizio commerciale e l'intero complesso dei beni aziendali, del valore di 300.000 euro circa, sono stati sottoposti a sequestro preventivo e affidati ad un amministratore giudiziario. (ANSA).