Live Sicilia

PALERMO

Da via Praga a via Villafranca
Una nuova pista ciclabile


bici palermo, pista ciclabile palermo

Il Comune partecipa a un bando ministeriale. Previsti incentivi per chi compra le due ruote


Via Mattarella



PALERMO - Quasi quattro chilometri di nuova pista ciclabile protetta, da via Praga a via Principe di Villafranca, passando per viale Strasburgo e via Dante. Palermo espande le corsie riservate alle due ruote e lo fa grazie a un bando del ministero dell’Ambiente, a cui la giunta Orlando ha deciso di partecipare con una delibera approvata venerdì: l’obiettivo è accaparrarsi 600 mila euro, a cui aggiungerne altri 870 mila (di fondi propri) per una nuova pista ciclabile nel centro della città.

Il percorso a doppio senso, e in sede propria, sarà lungo 3.800 metri e in realtà è già usato dai ciclisti, ma senza alcuna protezione; con la nuova pista, invece, si realizzerà un collegamento su due ruote tra nord e sud, connettendosi ad altri tratti già funzionanti. Il Comune userà una porzione delle carreggiate esistenti, tra il marciapiede e la corsia delle automobili, protetta con spartitraffico longitudinali, ma piazzerà anche rastrelliere e postazione di bike-sharing (potenziando l’offerta attuale) in via Praga, via Emilia, via Scaduto e piazza Castelnuovo.

“Il progetto di questa pista ciclabile – dice l’assessore alla Mobilità Giusto Catania - si inserisce in un complessivo ragionamento per stimolare e rendere più facile il passaggio dal mezzo privato ad una mobilità dolce e sostenibile. Ne è prova il fatto che, oltre alla pista ciclabile vera e propria, questo è un pacchetto di provvedimenti che favoriranno in generale l'utilizzo delle due ruote da parte di sempre più cittadini”.

Via Boris Giuliano



La nuova pista, come detto, partirà da via Praga e proseguirà su via Ausonia, viale Emilia, viale Campania, viale Piemonte, via Boris Giuliano, via Leopardi, via Mattarella e via Principe di Villafranca, passando accanto a sette scuole, uffici pubblici (tre assessorati regionali, Polo tecnico comunale e Agenzia delle Entrate) e tre ville pubbliche (Trabia, Sperlinga e Terrasi), ma solo in un tratto di via Mattarella (al sottopassaggio) le bici dovranno condividere il percorso con i pedoni sul marciapiede. Inoltre si collegherà alla pista di via Dante, che porta fino alla Zisa, ma anche alle corsie miste di viale Strasburgo. La larghezza della pista sarà di 2,5 metri, essendo a doppio senso, ma siccome le varie strade hanno dimensioni diverse, in alcune si perderanno alcuni posti per le automobili (circa una novantina in tutto) che da “spina di pesce” diventeranno paralleli.

Tante le novità annunciate: il percorso sarà realizzato con materiali di nuova generazione ed ecologici, che assicureranno migliore resistenza e durata della pavimentazione; anche le rastrelliere saranno di ultima generazione, mentre l’asfalto sarà colorato in modo tale da far risaltare la pista. “Negli ultimi anni anche a Palermo si registra un notevole aumento di cittadini che scelgono la bicicletta per i propri spostamenti – dice il sindaco Leoluca Orlando - Realizzare nuove piste ciclabili che permettono di muoversi in sicurezza è quindi un modo per andare incontro alle esigenze di chi già ha fatto questa scelta e per incoraggiare ancora di più l'utilizzo delle due ruote. È importante che in questo processo svolga un ruolo fondamentale l'Amat, che si conferma azienda che si occupa della mobilità a 360 gradi e sempre più con attenzione alla sostenibilità”.

All’altezza degli attraversamenti pedonali e degli incroci saranno posizionati dispositivi luminosi con cellule fotovoltaiche, mentre parte del percorso sarà controllato con 11 telecamere, di cui tre alimentate dalla luce solare e otto collegate alla rete del bike-sharing. Le nuove ciclostazioni saranno quattro, da 12 posti ciascuna, mentre 23 rastrelliere garantiranno 184 posti bici; tre i depositi automatizzati da 10 posti l’uno. Previsti anche 16 stazioni di gonfiaggio per le ruote e 1.275 markers solari per la segnalazione luminosa. La durata dei lavori è fissata in 12 mesi (il bando scade a luglio) e il progetto ipotizza una media di 600 utenti al giorno, grazie anche alla vicinanza con i parcheggi Belgio, Unità d’Italia e Notarbartolo che consentiranno l’intermodalità.

Altra novità sono gli incentivi comunali (fino a 150 euro) previsti per l’acquisto di mezzi a pedalata assistita per uso urbano: sul sito di Palazzo delle Aquile saranno elencati i modelli, con prezzo e sconto; ne potranno usufruire tutti i maggiorenni residenti a Palermo. Escluse bici da corsa, fat bike, mountain bike a uso competitivo o sportivo, downhille, bmx, bici da ciclocross e bici cargo per uso professionale. Il compratore dovrà usare la bici per almeno due anni e i 500 incentivi saranno erogati fino a esaurimento, in base all’ordine cronologico.