Live Sicilia

Le previsioni

Palermo nella morsa del caldo
E' allerta per oggi


allarme caldo, allerta caldo, bollettino meteo palermo, caldo palermo, chi rischia caldo, meteo palermo, ministero della salute, ondata caldo palermo, ondate di calore palermo, palermo caldo, previsioni palermo, previsioni palermo 12 giugno, previsioni palermo 13 giugno, previsioni palermo domani, previsioni palermo giovedì, soggetti a rischio caldo, temperature palermo, Palermo

Il bollettino: alte temperature fino a giovedì

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO – La morsa del caldo stringe il capoluogo siciliano, ed è tempo di allarme temperature. Sul sito del ministero della Salute è stato pubblicato il bollettino sulle ondate di calore di martedì, mercoledì e giovedì. 
Il picco è previsto per mercoledì, con un livello di allarme per la prevenzione di tipo 2, per via di “temperature elevate e condizioni metereologiche con effetti negativi sulla salute della popolazione”. Per le ore 14 sono previsti 34 gradi (massima di 35 percepiti). A metter in guardia sull'eccezionale ondata di caldo prevista nel capoluogo è stato il Comune.

Situazione lievemente più stabile, invece, oggi e giovedì: per la giornata odierna il sistema di allarme prevede per Palermo il livello 1 (pre-allerta), con una temperatura massima percepita di 33 gradi; dopo il picco di domani, giovedì il livello di rischio tornerà a 1, con una temperatura di 30 gradi prevista per le ore 14 (massima percepita 33).

Il livello di prevenzione 2 contempla un’allerta dei servizi sanitari e sociali, si legge nel bollettino, con particolare attenzione alle fasce della cittadinanza considerate più a rischio. Il ministero ne fornisce un elenco: le persone anziane, i neonati e i bambini, le donne in gravidanza, chi soffre di malattie croniche (come malattie cardiovascolari, diabete, insufficienza renale, morbo di Parkinson) o disturbi psichici, le persone con ridotta mobilità o non autosufficienti, chi assume regolarmente farmaci o fa uso di alcol e droghe, chi fa esercizio fisico o svolge un lavoro intenso all’aria aperta (anche in giovane età), e chi vive in condizioni socio economiche disagiate.

Il ministero fa riferimento anche ad alcune condizioni abitative, come una scarsa ventilazione o l'assenza di aria condizionata, che possono causare disagio ed effetti dannosi sulla salute delle persone più a rischio. “Questo è vero particolarmente nelle grandi città – si legge sul sito del governo – dove, per una serie di caratteristiche (superfici asfaltate, cemento degli edifici, scarsità di copertura vegetale), la temperatura, sia in estate che in inverno, è più alta rispetto alle zone rurali vicine. Gli effetti del caldo possono inoltre essere più gravi per la presenza di elevate concentrazioni di inquinanti atmosferici”.