Live Sicilia

STRAGE DI VIA D'AMELIO

Borsellino, Petralia non ci sta
"Macelleria mediatica e fango"


carmelo petralia, caso borsellino, magistrati indagati borsellino, petralia borsellino, strage via D'Amelio, Cronaca, Caltanissetta
Carmelo Petralia

Secondo il magistrato, mancano molti nominativi di colleghi. "Familiari quasi tutti assenti"

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - "Ogni Procura ha l'obbligo di attivare un'indagine quando le perviene una notizia di reato", ma sono "sconvolto e amaramente colpito sul piano umano e familiare sulla gestione mediatica della notizia".

Così il procuratore aggiunto di Catania, Carmelo Petralia, in un'intervista a La Sicilia, sull'avviso di garanzia emesso, per lui e il magistrato Annamaria Palma, dalla Procura di Messina per concorso in calunnia aggravata dall'avere favorito Cosa nostra nell'ambito dell'inchiesta sul depistaggio sull'attentato di via D'Amelio al giudice Paolo Borsellino e alla sua scorta.

Petralia parla di "'macelleria mediatica' a buon mercato di cui, in concreto solo io e la collega Palma siamo rimasti vittime". Eppure della "'gestione' della collaborazione di Scarantino si occupava un pool di magistrati molto più ampio" e "il dato conosciuto e amplificato dai media manca di molti nominativi e mi chiedo ancora perché".

"Dalla famiglia Borsellino - osserva - l' unico vero contributo, ampio, sincero e incondizionato di collaborazione, anche alla conoscenza dei fatti e alle indagini in senso stretto, è venuto dalla signora Rita, la sorella di Paolo, e dalla sua famiglia, i signori Fiore. Tutto il resto della famiglia Borsellino è stato assolutamente assente".

"A Caltanissetta, nel 1992 - ricorda Petralia - si partiva da zero. E' facile oggi denigrare, offendere e avanzare sospetti. Chi arriva per ultimo sa sempre molto di più di chi è arrivato prima e soprattutto di chi è arrivato per primo. Ma ciò non lo autorizza a gettare fango e ad avanzare accuse di collusioni".

"Ad ogni verità - sottolinea - si arriva faticosamente e per gradi. Già nel 1996-98 la ricerca dei cosiddetti 'mandanti esterni' mi aveva portato all'iscrizione di Bruno Contrada e poi, ancora, a proporre l'iscrizione di Marcello Dell'Utri e Silvio Berlusconi per concorso in strage. L'esito di queste indagini - chiosa Petralia - alle quali comunque non partecipai essendo rientrato alla Procura Nazionale, è noto. Ma se sono un depistatore".