Live Sicilia

Caso Foss

Romano: "Solidarietà a Santoro
Minacce politiche da Micciché"


foss santoro, saverio romano, Politica

Le reazioni della politica sulle nomine alla Fondazione Orchestra Sinfonica

VOTA
0/5
0 voti

"Dopo la vicenda di Marcello Caruso e della Sas, è la seconda volta che il presidente dell’Assemblea regionale, Gianfranco Miccichè, alla guida di un organo che dovrebbe essere super partes, interviene a piedi uniti sulla governance di uno degli enti della Regione, senza che ne’ l’assessore al ramo nè alcun esponente del governo si pronuncino nel merito. È davvero incredibile constatare come la politica si sia ridotta in questo stato dove, chi dovrebbe garantire terzietà e imparzialità non perde occasione per minacciare politicamente organismi che dovrebbero agire in piena autonomia, e chi dovrebbe dare indirizzo politico, mantiene il più rumoroso silenzio".Lo scrive in una nota Saverio Romano, leader di Cantiere popolare. "Ovviamente - spiega ancora Romano - mi riferisco alle minacce politiche di Miccichè all’indirizzo di Stefano Santoro, colpevole di voler assicurare la piena legalità degli atti alla Fondazione Orchestra sinfonica siciliana; un comportamento, quello di Miccichè, che stigmatizzo e che mi porta a manifestare
la piena solidarietà al presidente del cda della Foss".

"C'è chi salta il Foss, chi si butta nel Foss ma nessuno leva la terra dal Foss per il sovrintendente dell'orchestra... al di là delle battute trovo piuttosto surreale che la vicenda della Sinfonica siciliana occupi i pensieri di autorevoli esponenti politici e sia quasi al centro del dibattito politico", afferma l'assessore regionale alle Attività produttive e deputato dell'Udc all'Ars Mimmo Turano. "Si tratta certamente di una nomina importante ma - aggiunge - non credo sia utile precipitare ancora una volta nel vortice delle polemiche che non fanno bene all'ente e non sono di nessuna utilità ai siciliani".

E un'interrogazione parlamentare al governo per fare chiarezza sulla gestione della Fondazione orchestra sinfonica siciliana (Foss) almeno durante l'ultimo anno è stata presentata all'Ars dal capogruppo di Diventerà Bellissima, Alessandro Aricò. All'assessore al Turismo vengono chiesti lumi sulla gestione del precedente Cda della Foss, sulla nomina dell'ex sovrintendente Giorgio Pace, sulla sua conferma anche dopo lo scioglimento del Consiglio, sulla situazione finanziaria dell'ente. "La Foss è un patrimonio culturale importante - dice Arico' - Sicuramente va salvaguardato e rilanciato facendo luce su aspetti poco chiari avvenuti nell'ultimo periodo. Credo che anche in questo Cda ci sia un consigliere con un conflitto di interessi".