Live Sicilia

PALERMO

Tentato stupro alla Magione
Un arresto, caccia al complice


piazza magione, polizia, violenza donne, violenza sessuale, Cronaca, Palermo

L'incubo in un'abitazione al piano terra. In manette un marocchino di 35 anni.


PALERMO - Girovagavano ubriachi nella zona di piazza Magione quando hanno notato una porta socchiusa. Nell'appartamento al piano terra hanno visto una donna, seduta vicino alla cucina. L'incubo è cominciato poco dopo, quando le urla e le richieste di aiuto della vittima hanno attirato l'attenzione del marito e del vicinato. L'uomo si trovava in un'altra stanza dell'abitazione, stava probabilmente dormendo.

Era quasi mezzanotte quando l'allarme è arrivato alla sala operativa della polizia: il marito era riuscito a difendere la donna, ma uno degli aggressori se l'era già data a gambe. In base a quanto ricostruito dagli agenti, i due si sarebbero introdotti nell'appartamento per importunare la donna e tentare di violentarla: le hanno strappato la maglietta, poi hanno cominciato a palpeggiarla.

Ad evitare il peggio è stato proprio l'intervento del marito, che ha così permesso l'arresto per violenza sessuale di un 35enne marocchino. E' caccia, adesso, al complice che è riuscito a far perdere le proprie tracce per i vicoli del centro storico. Soltanto due settimane fa, a finire in manette per violenza sessuale, è stato un uomo individuato tra i viali della cittadella universitaria.

Da tempo le denunce delle studentesse avevano fatto alzare la soglia d'attenzione nella zona e, dopo l'ultimo caso di molestie, in cui erano intervenuti anche gli addetti alla sorveglianza, l'uomo è stato rintracciato. Pochi giorni prima, un altro episodio preoccupante in pieno centro storico: una turista inglese ha infatti raccontato, nel panico, di essere stata trascinata da due uomini a bordo di un'auto, in via Roma.

Lei si trovava lì, nei pressi di Discesa Caracciolo, in attesa del fidanzato che era andato in bagno, in un locale della Vucciria. Una volta caricata nel mezzo, gli aggressori l'avrebbero palpeggiata, ma lei sarebbe riuscita a divincolarsi e ad uscire dalla macchina. In questo caso le indagini sono ancora in corso.