Live Sicilia

ARS

Taglio alle pensioni dei burocrati
M5s: "Adesso tocca agli ex deputati"


ars sicilia, ars sicilia taglio alle pensioni degli ex burocrati, ars sicilia taglio pensioni d'oro, giancarlo cancelleri, pensioni d'oro sicilia, salvatore siragusa, stefano zito, tagli pensioni d'oro regione siciliana, taglio alle pensioni degli ex burocrati, tetto pensioni d'oro sicilia

La misura durerà 5 anni. Il risparmio sarà di 4,3 milioni all'anno: un totale di oltre 20 milioni.


PALERMO - 
A Palazzo dei Normanni arriva il taglio delle pensioni per gli ex burocrati dell’Ars. Il consiglio di Presidenza dell’Assemblea regionale siciliana ha approvato la riduzione, che tecnicamente è un contributo di solidarietà a tempo determinato, della durata di cinque anni. La decisione stando a quanto comunicato il presidente dell'Ars Gianfranco Miccichè, in una nota, è arrivata con il voto unanime del consiglio di Presidenza.

Il risparmio, secondo le stime del M5s, sarà pari a 4,3 milioni di euro ogni anno a partire dal 1 gennaio 2019 e fino al 31 dicembre 2023 e così il risparmio totale potrebbe arrivare ad ammontare fino a oltre 20 milioni di euro. I risparmi della spesa pensionistica, derivanti dall’applicazione della norma, saranno accantonati in un apposito fondo istituito nel bilancio dell’Ars.

Per le pensioni fino a 100mila euro non sono previsti tagli che non riguarderanno anche gli ex dipendenti “dispensati dal servizio per motivi di salute”. Per i trattamenti che vanno dai 100mila ai 130mila euro l’anno, il taglio sarà del 15 per cento. Per le pensioni da 130 a 200mila euro l'aliquota sarà del 25 per cento. Il taglio ammonterà al 30 per cento della contribuzione pensionistica per quelli che percepiscono fra i 200mila e i 350 mila euro annui. L'aliquota del taglio per le pensioni da 350mila a 500mila euro è pari al 35 per cento mentre per tutti i trattamenti oltre la sogli di 500mila euro il taglio sarà del 40 percento. Le riduzioni verranno fatte a prescindere dal sistema di calcolo adottato per la liquidazione delle stesse pensioni. 

Festeggiano i deputati del Movimento cinque stelle. “Grazie al governo nazionale - commentano i pentastellati Giancarlo Cancelleri, Salvatore Siragusa e Stefano Zito - anche l’Ars dovrà applicare il taglio alle pensioni d’oro per il personale in quiescenza. La prima battaglia è vinta. Adesso continuiamo con il taglio ai vitalizi degli ex onorevoli. Abbiamo dato una bella sforbiciata ai privilegi dei burocrati di questo palazzo - spiegano i tre componenti del consiglio di Presidenza - dall’ex segretario generale, il cui stipendio è sempre stato il ‘quarto segreto di Fatima’, alle varie cariche apicali di questo palazzo. Si tratta - concludono - di un provvedimento di equità e giustizia sociale, dato che il lavoratore medio siciliano, se ha la fortuna di arrivare alla pensione, una cifra del genere non la vedrà mai nemmeno con il binocolo”.