Live Sicilia

PALERMO

Stop a "gnuri" e carrozze
Scatta la protesta dei cocchieri


asp, carrozze a palermo, cavalli palermo, cocchieri, emendamento camera, michela vittoria brambilla, veterinari asp, Cronaca, Palermo
La protesta in piazza Pretoria

"In 45 nel capoluogo siciliano rischiano di perdere il lavoro. Cavalli da sempre tutelati".


PALERMO - Arriva un primo stop per le carrozze trainate dai cavalli in città, ma i cocchieri non ci stanno. Dopo il voto nella commissione Trasporti della Camera che ha accolto la riscrittura dell'articolo 70 del codice stradale su proposta delle deputate Fi Michela Vittoria Brambilla e Federica Zanella, chi lavora nel settore a Palermo scende in piazza.

La protesta è partita in piazza Pretoria, davanti a Palazzo delle Aquile, e proseguirà con uno sciopero annunciato dalla cooperativa "Trinacria", di cui fanno parte decine di "gnuri" che da anni lavorano nel capoluogo siciliano. L'emendamento 
cancella il servizio di piazza a trazione animale e mantiene la sola eccezione per le slitte, nei parchi pubblici e in occasione di manifestazioni popolari, con l'obiettivo di evitare sofferenze agli animali. 

"Non condividiamo quanto previsto - dice Giuseppe Urso, portavoce dei conducenti delle carrozze - perché la salute dei cavalli è già per noi al primo posto. Far perdere il lavoro a decine di persone non vuol dire tutelare gli animali, ma creare nuovi disoccupati. In città siamo in quarantacinque e abbiamo sempre offerto un servizio eccellente, prendendoci cura degli animali al cento per cento, pur non avendo alcuna risposta dal Comune alle nostre richieste. Siamo rimasti inascoltati: tempo fa abbiamo chiesto l'assegnazione di spazi e stalle, di zone di sosta al centro degli itinerari turistici e non in zone laterali, poco servite, basandoci su ciò che gli altri cocchieri hanno nelle altre città, ovvero aree di sosta attrezzate dove i turisti ci vedono e dove i cavalli posso bere e riposarsi all'ombra". 

Da allora, però, i conducenti delle carrozze dicono di essere stati abbandonati: "Vista l'assenza di qualunque provvedimento - prosegue Urso - abbiamo sempre pensato noi a tutto. Siamo iscritti negli elenchi della Camera di Commercio, siamo in possesso di tutte le autorizzazioni e in contatto con l'Asp. Viviamo in simbiosi coi nostri cavalli e teniamo alla loro salute quanto alla nostra, per questo provvediamo tutte le loro necessità e agli stalli, in cui cerchiamo di tutelare la loro salute".

L'emendamento arriverà in Aula la prossima settimana per l'approvazione in prima lettura, ma i cocchieri sono sul piede di guerra. Temono di perdere il lavoro e sono pronti allo sciopero già da domani: "Più di quarantacinque persone - sottolineano - con le loro famiglie, finirebbero in mezzo ad una strada. Abbiamo portato avanti questa attività storica, che rappresenta per noi una tradizione, sempre con sacrificio e dedizione. Per fare sentire la nostra voce contro questo provvedimento, siamo pronti a fermarci".

"Anche noi teniamo molto alla salute dei cavalli - commenta il vice presidente della Camera di Commercio, Nunzio Reina - e questa è sempre stata assicurata dal lavoro di chi conduce la carrozza, regolarmente iscritto all'albo dei conducenti a trazione animale. In passato sono stati chiesti all'amministrazione comunale stalli ad hoc per garantire il benessere degli animali, ma nel frattempo i cocchieri hanno sempre pensato a tutto e tutelato la loro salute, con un diretto contatto con i veterinari dell'Asp. Non si può mettere a repentaglio chi lavora nel settore rispettando tutte le regole, bisogna valutare caso per caso".