Acciaierie Sicilia, a rischio 500 lavoratori: "Pronti a mobilitarci" - Live Sicilia

Acciaierie Sicilia, a rischio 500 lavoratori: “Pronti a mobilitarci”

La nota della Uilm sull'impianto di Catania. "Si può e si deve fare qualcosa", dice il sindacato.
CARO ENERGIA
di
0 Commenti Condividi

CATANIA – “Il destino dei 500 lavoratori delle Acciaierie di Sicilia e del suo indotto non è ineluttabile ma può essere modificato da scelte che spettano a chi ha responsabilità politiche ed istituzionali. Queste scelte vanno assunte urgentemente per evitare che il destino di tante famiglie possa essere messo in discussione”. Lo dichiarano Guglielmo Gambardella, Coordinatore nazionale Uilm per il settore siderurgico, e Giuseppe Caramanna, Segretario Uilm Catania.

“Il problema del costo dell’energia – sottolineano Gambardella e Caramanna – è una questione che non può essere lasciata all’andamento del mercato ma è un tema su cui si può e si deve intervenire per evitare che il nostro sistema produttivo non sia più competitivo in un contesto globale”. “Si deve intervenire immediatamente – spiegano – perchè si tratta di una realtà produttiva e occupazionale che si trova in una delle parti più disagiate del nostro Paese”.

“Ogni ritardo lo riteniamo inammissibile – continuano – I tempi della politica nazionale e locale e della burocrazia non sono più conciliabili con un’economia che deve reggere il passo con un mercato che si muove con una velocità sempre maggiore”. “Non potremo rimanere fermi di fronte a questo scenario che potrebbe mettere a rischio migliaia di posti di lavoro e altrettante famiglie che oggi già soffrono per una insostenibile inflazione e un costo della vita che a stento consente di sopravvivere con dignità. Siamo pronti a mobilitarci per ottenere le necessarie risposte per la soluzione del problema”, concludono.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.