Agrigento abbraccia Camilleri | Per lui la cittadinanza onoraria - Live Sicilia

Agrigento abbraccia Camilleri | Per lui la cittadinanza onoraria

Andrea Camilleri

Il riconoscimento conferito dal sindaco Lillo Firetto "per il contributo straordinario dato dall'autore alla città". Lo scrittore: "Affetto e stima che mi commuovono".

la cerimonia oggi a roma
di
1 Commenti Condividi

AGRIGENTO – Da Vigata a Girgenti. Passando per Roma. Andrea Camilleri, padre letterario del commissario Montalbano e nativo di Porto Empedocle, riceverà la cittadinanza onoraria di Agrigento nella cerimonia che sarà ospitata questa mattina dalla Sala della Promoteca del Campidoglio. Un riconoscimento “per il contributo straordinario dato dall’autore alla città, non solo per le sue opere tradotte in 32 Paesi del mondo, ma anche per la geniale invenzione di una lingua che ha sdoganato definitivamente il dialetto” ha spiegato il sindaco di Agrigento Lillo Firetto.

Tra i presenti il ministro della Cultura, Dario Franceschini, e il commissario straordinario di Roma Francesco Paolo Tronca. Camilleri ha compiuto 90 anni il 6 settembre dello scorso anno. Proprio in quell’occasione Firetto ha deciso di avviare il percorso per il conferimento della cittadinanza onoraria al celebre scrittore.

*Aggiornamento ore 13.06
“Uno può vincere un premio letterario ma avere la cittadinanza onoraria significa che un intero paese ti dice ‘voglio che tu sia dei nostri’. È un gesto di affetto e di stima che non può che gratificarmi e commuovermi”. Così Andrea Camilleri ha sottolineato di essere onorato per il conferimento della cittadinanza onoraria di Agrigento conferitagli questa mattina in Campidoglio alla presenza del ministro dei Beni e delle attività culturali, Dario Franceschini. “Troppi onori. L’onore è il mio”, ha sottolineato lo scrittore.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Gli agrigentini non l’hanno presa bene quando Camilleri ebbe a dire a Firetto, subito dopo la sua elezione, una frase che suonava all’incirca così:
    Accura ‘e giurgitani c’on su’ comu i marinisi (stai attento agli agrigentini perchè non sono come gli empedoclini).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.