Amat, la selezione per autisti | Via libera alle domande - Live Sicilia

Amat, la selezione per autisti | Via libera alle domande

I termini di tempo e come partecipare. Dove trovare le informazioni.

Sulla Gazzetta
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – Via libera alle domande per partecipare alla selezione per esami a 100 posti di autista all’Amat di Palermo con contratto a tempo indeterminato. Il bando è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione Serie Concorsi. Le modalità di partecipazione sono disponibili sul sito istituzionale dell’Azienda controllata dal Comune di Palermo. Le domande degli interessati, compilate secondo le modalità stabilite nell’avviso, dovranno essere inviate entro il 19 agosto 2019.(ANSA).

“La decisione di Amat è una sfida apertissima al consilio comunale – attacca il capogruppo di Fi Giulio Tantillo – Per martedì era già convocata una riunione sul tema e invece l’azienda ha deciso di andare avanti. Se è una sfida la accettiamo e vedremo chi la vincerà: chiediamo che il sindaco intervenga, visto che Amat ignora le decisioni del consiglio. Dimostreremo che questo bando non poteva essere pubblicato perché non autorizzato dal Comune. Chiederemo anche un parere legale”.

“Sarà un’estate rovente – dice Mimmo Russo di Fratelli d’Italia – Il consiglio va convocato ad agosto per il consuntivo, altrimenti interverrà la Regione, ma anche per il bando Amat: le regole vanno rispettate, non ci sono alternative. Non c’è un piano di risanamento e quindi il concorso va ritirato finché non si accerterà il fabbisogno; nessuno mette in dubbio che servano nuovi autisti, e quindi si può attingere dal Collocamento, ma qui a interrompersi non sono i servizi bensì la legalità”.

“L’Amat e la giunta facciamo la loro parte, in materia di contrarti di servizio e di indirizzo comanda il consiglio comunale – dice Fabrizio Ferrandelli di +Europa – Ed il consiglio indica ad Amat la strada del rotiro del bando e della presentazione del piano di riequilibrio e di quello industriale. Credo non convenga a nessuno dei due interlocutori iniziare un braccio di ferro con il consiglio che perderebbero. Noi siamo per le assunzioni e il rilancio dell’azienda, ma vogliamo prima vederci chiaro e garantire i conti e i lavoratori attuali”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    E i Disoccupati che sono da anni iscritti al collocamento, con faniglia,con la speranza di trovare un lavoro,che hanno le patenti e la Cqc per poter fare questo lavoro,come me !! Non possono partecipare perché magari manca il diploma e si supera per poco il limite di età! Però può partecipare anche chi ha già un lavoro ed è diplomato! SI poteva dare a tutti la possibilità di partecipare!!

    Il concorso va ritirato e riproposto tenendo conto di queste considerazioni.
    Per fare l’operatore d’esercizio all’Amat (operaio), non si può richiedere il diploma di scuola superiore, per vari motivi, provo ad elencarne qualcuno.
    a) Chi è titolare di patente DE + CQC è già abilitato dallo stato a guidare un autobus, se servisse il diploma lo stato lo richiederebbe al momento di rilasciare le patenti.
    b) Se per fare l’operaio all’Amat ci vuole il diploma di scuola superiore, per fare il segretario amministrativo, il capo tecnico, l’addetto all’esercizio, ecc. ecc. proporzionalmente ci vorrebbe la laurea.
    c) La scuola dell’obbligo fino al diploma di scuola media è gratuita, per proseguire è arrivare al diploma di scuola superiore, ci vuole un certo investimento, che non tutti possono permetterselo.
    d) Se si accettasse il principio, che chiunque può richiedere diplomi e lauree, chi nasce povero deve restare disoccupato a vita e a carico dello stato, le Aziende pubbliche finanziate con soldi pubblici, non possono non tenere conto di questo fattore.
    e) Per quanto attiene il requisito della patente E, una considerazione va fatta, come fa un’azienda con un parco di 400 bus, di cui solo 8 autosnodati, quindi meno del 2% a richiedere la patente E.
    Considerazioni finali, il concorso va fatto richiedendo la scuola dell’obbligo e la patente D, come in tutte le aziende d’Italia, al contempo mettere nel bando un punteggio ulteriore, per chi e in possesso del diploma di scuola superiore e per chi possiede la patente E.

    Il bando va ritirato o qualcuno dovrà spiegare qualcosa relativa a altri bandi del passato fatti ad hoc per i figli dei figli di qualcuno

    DOPO QUASI 4000,00€ SPESI PER LA PATENTE D-E ED IL CQC
    NON POSSO PARTECIPARE PERCHE’ NON HO IL DIPLOMA

    Assurdo richiedono la DE …..con il 2% di autosnodati a Palermo . Ma fate un concorso più veritiero, come nel nord italia.

    DA CHI BISOGNA FARSI RACCOMANDARE , DAL PAPA??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.