Amministrative, torna la Dc: "Cuffaro ha pagato i suoi errori" - Live Sicilia

Amministrative, torna la Dc: “Cuffaro ha pagato i suoi errori”

Torna e aggrega, nonostante abbia subìto una condanna per favoreggiamento alla mafia. Il suo carisma – a quanto pare – è più forte del casellario giudiziario
22 Commenti Condividi

CATANIA – “La Dc a Giarre non ha nessun accordo con la Lega e Mpa. Ci stiamo impegnando per fare la lista della Dc col nostro programma per Giarre che sottoporremo ai partiti e alle liste moderate e solo dopo decideremo con chi potremo realizzarlo”. Quando è il capo a parlare, ci si ferma tutti. Soprattutto se il dominus della rinata Democrazia Cristiana, con tanto di Scudocrociato, è Salvatore Cuffaro. L’ultimo presidente a staccare per ben due volte consecutive il ticket per Palazzo d’Orleans. Proprio lui, sì. Che però ha sentito l’esigenza di chiarire via social dove si colloccherà il più antico dei nuovi partiti a Giarre. Evidentemente la cartolina che mette assieme Alberto da Giussano, la colomba bianca e appunto lo scudocrociato, ha fatto tremare in molti in tutta la Sicilia. Compresi i diretti interessati.

È già un’impresa riportare in vita un nome e un simbolo che, dalle elezioni del 1994, erano dispersi. Fu Mino Martinazzoli a mandare in soffitta quella storia per mettere una pezza alla frana di Tangentopoli. Poi è arrivata la scissione tra Buttiglione e l’ala progressista del partito. Un trauma che diede la mazzata definitiva a un blocco elettorale già in evaporazione e il via a una lunga querelle, anche giudiziaria, sulla proprietà del logo. Il Ppi dovette accontentarsi di un simbolo sbiadito e privo della Libertas, la Cdu invece del simbolo ma non del nome. Poi arrivò l’Udc, che però doveva accogliere in trasparenza anche la vela del Ccd di Pierferdinando Casini. Ma la frammentazione della balena bianca è ben più articolata e negli anni ha conosciuto più soggetti e interpreti (Mastella, Cossiga, Andreotti, Segni, etc.). 

Anche l’Mpa di Raffaele Lombardo è figlia di quello spacchettamento. E se proprio dobbiamo dirla tutta, buona parte della classe dirigente della Lega, soprattutto nel Nord-Est, proviene da lì. Manuale di dottrine politiche alla mano, il regionalismo è riconducibile alla straordinaria elaborazione intellettuale di don Luigi Sturzo. Insomma, lo scudocrociato nasce e rinasce in Sicilia. Posizionato al centro, destinato a fare l’ago della bilancia se non la bilancia stessa. 

Come stanno dunque le cose a Giarre? “Che la Dc compilerà lista e solo dopo penseremo a chi dovrà essere il candidato migliore. Non abbiamo nessun pregiudizio verso Patrizia Lionti o Forza Italia. Ma noi siamo di centro e lavoreremo per quei candidati che sapranno esprimere al meglio le istanze del territorio”. Lo spiega a LiveSicilia Carlo Maccarrone, uomo di fiducia di Cuffaro nel Catanese e segretario provinciale per il terzo settore della nuova Dc. Uno schema che si ripeterà anche a Caltagirone (patria di Sturzo, Milazzo e Scelba), Adrano e Misterbianco. 

Il cantiere è aperto e arrivano le prime adesioni. “Sta andando a gonfie vele, ci stiamo allargando. Questo perché la rinascita della Dc era una esigenza per molti, quella cioè di non avere più legami con i vecchi amministratori – spiega Carlo Maccarrone – A macchia di leopardo, ma ci stiamo crescendo. Abbiamo già messo su il gruppo dei giovani, delle donne e stiamo dialogando con il mondo delle professioni”. 

Cuffaro torna in campo e aggrega, nonostante abbia subìto una condanna per favoreggiamento alla mafia. Il suo carisma – a quanto pare – è più forte del casellario giudiziario. “Il presidente ha pagato e chi paga, lo dice la legge italiana, deve essere riabilitato – ci dice Maccarrone – Tutti possiamo sbagliare, l’importante è andare avanti e scontare la propria pena. Ed è stato fatto”. Nessun imbarazzo? “La sua presenza non è un limite per noi, è semmai un motivo di riscatto”. 

Perché il simbolo Dc dovrebbe attrarre quei tanti che non hanno vissuto la prima repubblica? “Democrazia cristiana – ci dice Maccarrone – vuol dire valori della famiglia. Vuole dire valori della donna. Donna vuol dire famiglia, il fondamento. La storia della Dc è una storia di famiglie. Un partito presente in ogni paese, anche il più piccolo, così come nei municipi delle grandi città. Un partito che raccoglieva le istanze dal basso. Ricordo che quand’ero giovane – ci dice – l’onorevole Nino Drago, ogni 15 giorni, veniva nella sezione di corso Indipendenza e spiegava quanto accadeva nel Palazzo. Quel metodo ci rendeva tutti più partecipi e più coesi. Negli ultimi 15 anni è finito tutto questo, nessun eletto fa più rapporto ai propri elettori: fanno i politicanti, non i politici”.    


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

22 Commenti Condividi

Commenti

    vai toto’ sei grande

    Si, in effetti si è ingrassato, adesso è grande.

    abito a varese da 40 anni orgoglioso delle mie origini (sono nato e cresciuto a Mirabella Imbaccari )….pero’ devo dire che sinceramente sono queste le cose che mi fanno vergognare di essere siciliano….non riesco a capire un pregiudicato per reati orrendi e’ sempre acclamato e eventualmente votato……assurdo….

    da siculo residente, mi associo alla tua vergogna.

    Siamo nel peggiore medioevo…. Draghi e company inclusi

    Da ex democristiano non posso che compiacermene ma nel contempo da ex andreottiano non posso fare a meno di scrivere che la DC di Giulio Andreotti era ben altra cosa lontana anni luce da questa……

    Però… un bel curriculum

    Ma questo non doveva andare in Africa a curare i bambini? Senza vergogna!

    Il fratello non è in grado di fare la controfigura…….

    Un uomo che ha pagato, per sua stessa ammissione, errori, con riconosciuta grande dignita e che non ha mai cercato facili scorciatoie. Meglio ha pagato per tutti, in un sistema si clienterale, che in quegli anni e non solo ti avvolgeva e inghiottiva, spendendosi in prima persona. Sicuramente col senno di poi con troppa generosità verso tutti :amici o presunti tali , conoscenti, opportunisti, avversari. Chi ne ha preso le distanze sin da quei giorni ergendosi a puri, si siamo accorti e continuano ad accorgerci che tanto puri non sono anzi hanno scagliato le prime pietre pensando cosi di alleggersi le coscienze. Da inqusitori a inquisiti, da antisistema a sistemisti vari. Tanto paga “cappidrazzu”. Certo questo non vuol dire che “Totó” sia stato un santo, lo amette da se stesso, ma la redenzione fa parte felle persone intimamente buone mentre la lapidazione è intimamente nell’animus dei perversi. Toto ha sbagiato ad essere troppo prodigo in prima persona , ha pagato in prima persona, ora riabilita in prima persona il suo nome. Per se stesso, per la sua famiglia che ha pagato senza riserve un altissimo prezzo, per i suoi Amici di sempre e per quelli nuovi che hanno visto e che vedono in lui un uomo buono. Vada avanti con i tuoi progetti e con tutta l’esperienza maturata. L’ acquisizione di uno stato di libertà fisica o morale attraverso la liberazione da colpe e motivi d’infelicità siano per chi crede motivo di affrancamento e giustizia.

    poverino,sembra quasi un martire, solo in italia e’ consentito a chi e’ stato condannato per reati del genere di tornare come se nulla fosse in politica, roba da pazzi

    Esercita l’arte di Ippocrate collegato in D.A.D. con il Burundi, dispensando baci terapeutici a tutti.
    Speriamo che i risultati siano migliori di quelli che abbiamo dovuto subire noi siciliani con i suoi governi, a causa dei troppi si concessi a tutti gli amici.

    Per colpa della pandemia è dovuto ritornare…

    Gli Italiani e, in particolare, i Siciliani hanno la memoria corta……

    Totò e le donne. Che figata!

    Forse molti hanno dei dubbi sulla correttezza del percorso giudiziario che ha portato alla condanna dell’Onorevole Cuffaro. In rete vi sono molti resoconti delle varie udienze e tanti piccoli Travaglio dovrebbero prendersi la briga di andare a leggerli.

    Ha favorito Cosa nostra? Si. Ha pagato? Si. Resta il fatto che dovrebbe mettersi una corona del Santo Rosario nelle mani e pregare.

    Peccato che non c’è più PIRANDELLO, avrebbe avuto un ottimo spunto per un libro da premio NOBEL.

    mi chiedo come sia possibile che si dia la possibilita’ a un ex detenuto di far parte ancora del mondo della politica e di poter reiterare il reato, solo in italia una cosa del genere e’ consentita

    ha sicuramente pagato i suoi errori, ma ha cambiato mentalita’ ..?!! non credo proprio il lupo perde il pelo ma non il vizio. ma come lui ne abbiamo tanti anche chi sta governando la sicilia adesso. la colpa e’ sempre di chi va a votare.

    Scunchiurutu circondato da schunchiuruti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *