Sicilia, Miccichè a Meloni: "Incontriamoci" - Live Sicilia

Appello di Miccichè a Meloni: “Vediamoci, basta veti”

Parla il coordinatore di Forza Italia in Sicilia
REGIONALI
di
4 Commenti Condividi

PALERMO -. “Questo atteggiamento di Fratelli d’Italia, che si oppone a prescindere ai nomi che stiamo proponendo per la guida della Regione, quasi come ripicca al fatto che ci siamo
opposti ad una conferma di Musumeci, non va bene. E’ necessario sedersi ad un tavolo, discutere serenamente senza nessun aut aut, ma occorre farlo subito, anche oggi pomeriggio, perché abbiamo le
ore contate, visto che domenica a mezzogiorno bisogna presentare le liste”. Lo ha detto all’agenzia di stampa Italpress, il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Micciché, a proposito dello stallo nel centrodestra sulla designazione del prossimo candidato alle elezioni regionali.

“Ancora Musumeci? Non me la sento…”

“Negli ultimi giorni sono stato zitto perché mi sono reso conto che ogni mia parola poteva essere strumentalizzata e poteva mettere in difficoltà o creare problemi anche ad altri, come ad
esempio i nostri leali alleati della Lega” ha aggiunto Miccichè. “Se Ignazio La Russa mi ha detto, a proposito del presidente Musumeci, ‘vedrai che cambierà’, significa ammettere che qualcosa non è andato per il verso giusto in questi cinque anni di giunta – ancora il coordinatore di Forza Italia in Sicilia -. Io non me la sento di fare altre cinque anni di legislatura regionale con lui. Lo dico nella consapevolezza che dovrò perdere la poltrona su cui siedo”.

“Da Musumeci mai confronto con i partiti”

E sui rapporti con il governatore: “In questi cinque anni non sono riuscito ad avere un rapporto con Musumeci. Non tanto dal punto di vista personale, quanto da quello politico e istituzionale: fin dal primo giorno ha sempre rifiutato un confronto con le forze di maggioranza. Non c’è mai stato un confronto, un atteggiamento di condivisione con i partiti”.

Appello a Giorgia Meloni

Poi “un appello” alla leader Fdi Giorgia Meloni: “Non la conosco personalmente ma ho grande stima”. L’invito è “a non farsi coinvolgere in sterili polemiche montate da altri, affinché si arrivi ad una soluzione senza veti di ogni tipo”. Miccichè ha continuato: “Se la posizione di Fratelli d’Italia è quella di rifiutare ogni nome proposto da Forza Italia per poi tornare a quello di Musumeci, ce lo dicano apertamente. Ma io sono convinto che alla fine prevarranno buonsenso e amicizia. I siciliani vogliono Musumeci? Se è per
questo amano anche Stefania Prestigiacomo. Il problema non è di gradimento, ma di rapporti con gli alleati, di spirito di squadra. Le faccio una metafora calcistica – aggiunge Micciché -: uno può anche avere un fuoriclasse in squadra, un Maradona, ma se poi questo non passa mai la palla, la squadra perde. E noi non ce lo possiamo permettere”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Già il fatto che hai stima della melona la dice tutta

    Non vuole Musumeci, consapevole del fatto che i siciliani lo vogliono, quindi proprio se ne frega. Ok dato che sostiene che vogliono anche la Prestigiacomo, allora referendum, scelgano i siciliani. Ma dubito Che abbia questo coraggio Micciché

    “In questi cinque anni non sono riuscito ad avere un rapporto con Musumeci”. Sono le parole dette da Micciche’, come qui riportate da Live Sicilia.
    Di conseguenza, secondo Micciche’, basta con Musumeci presidente.
    Ebbene, nel 2012 Micciche’ si candidò alla presidenza della Regione (ottenne appena il 15,4% di voti) in contrapposizione alla candidatura di Musumeci che, invece, ottenne oltre il 25,7% di voti, ma venne eletto presidente Rosario Crocetta che di voti ne prese solo il 5% in più di Musumeci ma più del doppio di Micciche’. Anche in quell’occasione Micciche’ “non riuscì ad avere alcun rapporto con Musumeci”?
    Vuoi vedere che i problemi sono, invece, di inconfessate antipatie personali determinate dal grande successo politico di cui godeva e gode Musumeci?
    Se il motivo è questo, mi sembra deprimente che le sorti di una regione come la Sicilia debbano dipendere dagli umori personali di qualcuno.
    Giorgia Meloni non può e non deve lasciarsi condizionare da ciò. Ne parli con Berlusconi e gli spieghi bene come stanno le cose perché è molto probabile che il cavaliere non abbia una visione puntuale delle vicende siciliane del suo partito.

    O si Vota Musumeci o Nessuno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.