L'eterno ritorno del "collegato" | Miccichè: "Divisioni? No, malintesi" - Live Sicilia

L’eterno ritorno del “collegato” | Miccichè: “Divisioni? No, malintesi”

Martedì il ddl Stralcio tornerà in Aula. E il presidente dell'Ars lancia il question time.

3 Commenti Condividi

PALERMO – Rispunta il ‘collegato’ alla finanziaria. La capigruppo dell’Ars, riunita dal presidente Gianfranco Miccichè, ha stabilito di riprendere il disegno di legge che ieri è stato rispedito in commissione Bilancio. “Sarà un testo unico, non sarà aggiunto nulla, eventualmente sarà snellito”, dice Miccichè, a conclusione della capigruppo. Le divisioni della maggioranza? “Tutto a posto, solo malintesi”, prosegue Miccichè. Che rispetto alle dichiarazioni del governatore Nello Musumeci che ieri sera ha minacciato le dimissioni se il Parlamento non porterà avanti le riforme, afferma: “Anche il presidente ha reagito su un malinteso”. Il ‘collegato’ dovrebbe tornare in aula tra martedì e mercoledì della prossima settimana.

Inoltre, su proposta del presidente Micciché, è stato deciso che l’Ars ogni martedì, dalle 15, dedicherà un’ora dei lavori parlamentari alla discussione di mozioni, interpellanze e ordini del giorno. “Ho suggerito ai capigruppo e ai presidenti delle commissioni – ha detto Miccichè – di adottare lo stesso sistema utilizzato dalla Camera dei deputati dove settimanalmente si svolge il question time. Uno strumento che consente un dialogo diretto tra i parlamentari e il governo regionale e che, nello stesso tempo, valorizza il potere ispettivo dei deputati”. Gli argomenti che verranno trattati ogni martedì saranno selezionati il venerdì precedente per consentire ai rappresentanti del governo regionale di predisporre le risposte.

Dopo avere approvato alcune mozioni, il presidente Miccichè ha rinviato a martedì prossimo, alle 15, la seduta parlamentare.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    A strantuliata fici effettu!

    Miccichè sa benissimo che inacidire Musumeci non gli conviene.L’ipotesi di eventuali dimissioni del Presidente e conseguente decadimento del Governo lo terrorizza,e non solo a lui,ma al 95% dei deputati siciliani,che si verrebbero a trovare senza 10.000 euro mensili netti di stipendio e senza chance di rielezione.

    Ma io non comprendo come mai i malintesi non sorgano quando si tratta iventi assunzioni nello staff di super esperti in randagismo di super segretari di ddl sul randagismo e poi i milleottoceno lavoratori degli sportelli multifunzionali e famiglie vengono rimandati alle calende greche mentre i centri per l’impiego sono assaltati da più di 400.000 disoccupati esasperati che dormono di fronte il centro per il turno e dove scoppiano violente discussioni con il poco personale che esiste, quindi Gianfranco io non dico che non bisogna pensare a venti persone da collocare nello staff all esperto in randagismo, al supersegretario mettiamoci pure un ddl per il randagismo , ma dopo basta , esistono anche i disperati di Sicilia degli sportelli multifunzionali milleottoceno lavoratori e famiglie, esistono anche i disperati di Sicilia 450.000 disoccupati che dormono la notte di fronte i centri per l impiego, quindi Gianfranco tutto ha un limite adesso cominciamo a pensare a chi è disperato e sarebbe pure il momento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.