Aumento Tari, appello del sindaco: "Rischio nuovo dissesto" - Live Sicilia

Aumento Tari, appello del sindaco: “Rischio nuovo dissesto”

La lettera del sindaco facente funzioni Roberto Bonaccorsi al Consiglio comunale, per chiedere l'approvazione dell'aumento Tari.
COMUNE DI CATANIA
di
1 Commenti Condividi

CATANIA – Il presidente del Consiglio comunale Giuseppe Castiglione ha convocato il consiglio comunale mercoledì 27 luglio alle 19 nell’aula consiliare di Palazzo degli elefanti. Ai primi due punti all’ordine del giorno della seduta la presa d’atto del Piano economico finanziario del Servizio di Gestione dei Rifiuti Urbani (PEF) 2022-2025 e l’approvazione delle tariffe ai fini della Tassa sui rifiuti (TARI) anno 2022.  

In merito alle due proposte deliberative, il sindaco facente funzioni Roberto Bonaccorsi, ha inviato una lettera al presidente del civico consesso e a tutti i consiglieri comunali, dettagliando le cause che obbligano l’Amministrazione a presentare l’aggiornamento dei documenti contabili e di programmazione e i rischi che la non approvazione dei due atti comporterebbe per il Comune e la Città di Catania.

“Il travagliato momento politico regionale e nazionale non deve distrarci, come amministratori che operano con scrupolo e coscienza, dall’imminente determinazione dell’equilibrio del piano economico finanziario (PEF), relativo alla Tari per il 2022, da approvare entro il prossimo 31 luglio”, esordisce nella lettera ai componenti del consiglio comunale di Catania il sindaco facente funzioni Roberto Bonaccorsi.

“Dalla sua approvazione o meno potrebbero determinarsi una serie di conseguenze, tali da rendere vani quattro anni di duro lavoro per correggere i conti del Comune e segnare in maniera indelebile il futuro di Catania. Nella fattispecie – prosegue il sindaco facente funzioni – il costo di conferimento in discarica dei rifiuti indifferenziati, causa l’aumento del costo dell’energia e dei carburanti, è aumentato del 125 per cento. Costi aggiuntivi che in teoria avrebbero significato l’aumento di 26,384 milioni di euro, un valore più che raddoppiato rispetto al 2021″.

“Un dato, in realtà, sensibilmente attenuato, sia dall’incremento di oltre il 300 per cento della raccolta differenziata rispetto al 2018 – prosegue Bonaccorsi -, con conseguenziali minori costi di conferimento, che dai lusinghieri risultati ottenuti, nell’attività di accertamento dell’evasione/elusione, che hanno determinato un aumento di circa cinque milioni di euro del ruolo Tari, i cui benefici si  vedranno compiutamente nel 2023“.

“Nonostante questi risultati – spiega ancora Bonaccorsi –  l’impatto dell’aumento del costo per il 2022 avanzerà a un importo di circa 16 milioni di euro. Un valore che nella sua valenza di atto tecnico non tiene conto dell’eventuale trasferimento di risorse stanziate dalla Regione Siciliana, che una volta determinate, così come già successo per i fondi emergenziali Covid del 2020 e del 2021, saranno destinate ai contribuenti a decurtazione dell’ammontare dovuto, diminuendo l’impatto del valore tariffario”.

“A fronte di ciò – continua il capo dell’amministrazione Comunale – sento il dovere di rappresentare ancora una volta, le conseguenze inevitabili che la mancata approvazione del PEF, i cui effetti, seppur fortemente mitigati, sono dovuti esclusivamente all’aumento delle tariffe energetiche e di quelle dei carburanti, potrebbe comportare anzitutto l’impossibilità di finanziare il servizio di raccolta dei rifiuti per i mesi restanti, con nuovi debiti fuori bilancio da riconoscere, pena l’interruzione del servizio. A questo va aggiunta l’impossibilità di portare in equilibrio e approvare il bilancio di previsione del 2022, mettendo in discussione il regolare pagamento degli stipendi e il trasferimento di risorse alle partecipate, con il rischio che si possa paventare ancora una volta lo spettro del dissesto finanziario, che dopo anni di sacrifici stiamo per superare”. 

“Serve – conclude Roberto Bonaccorsi – una nuova straordinaria assunzione di responsabilità, così come ha dimostrato di saper fare l’intero Consiglio Comunale durante tutta la consiliatura. Pur consapevole della condizione di chi, giocoforza, deve assumersi l’ulteriore onere di rendere un servizio per l’interesse di oggi e di domani, con piena assunzione delle responsabilità che la legge e la mia coscienza mi obbligano a compiere, auspico – conclude Bonaccorsi – che il consiglio comunale nella sua interezza,  prenda atto positivamente della nuova formulazione del PEF della Tari 2022. Perché la scelta che dovrà compiersi non è quella di approvare o non approvare la delibera posta all’ordine del giorno, bensì quella di determinare il futuro della città, ed evitare il rischio di far ripiombare la nostra comunità nei momenti bui del dissesto da cui finalmente stiamo per venire fuori”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Quale “sindaco”?, eletto da chi? Il sindaco vero è sospeso da tempo immemore. Ma la stampa catanese (tutta) fa finta di nulla….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.