Avola, costituito il Consorzio della canna da zucchero - Live Sicilia

Avola, costituito il Consorzio della canna da zucchero

Alcuni imprenditori sono tornati a piantare il prodotto, oggi si uniscono per promuoverlo
NEL SIRACUSANO
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Nasce oggi ad Avola il Consorzio della Canna da zucchero siciliana. A costituirlo l’Azienda Agricola Corrado Bellia di Avola, la distilleria Giovi di Valdina e la Distilleria Alma di Modica.

Lo scorso anno alcuni imprenditori locali, con passione e determinazione, hanno reintrodotto le piantagioni e ripreso la produzione del Rum 100% siciliano che, a detta degli esperti, non ha nulla da invidiare ai migliori distillati del panorama mondiale.

Il 2021 è stato quindi l’anno del ritorno in Sicilia della coltivazione della canna da zucchero, per molti secoli una fondamentale risorsa economica per l’intera isola. Coltivata e trasformata in preziosissimo zucchero fino al 1600, la “cannamela” era poi scomparsa dal paesaggio siciliano, per varie cause concomitanti, tra cui profondi cambiamenti climatici e l’arrivo in Europa della produzione caraibica. Unica eccezione la città di Avola dove, fino all’inizio del 1900, se ne distillava il succo per produrre Rum.

Da sinistra : Giuseppe La Fauci, Corrado Bellia, Maria Torre, Hugo Gallardo

“Abbiamo già collaborato per reintrodurre la canna nei rispettivi territori- ha dichiarato Corrado Bellia, neo presidente del C.d.A. “Il Consorzio è lo strumento necessario per riunire le nostre forze e promuovere la rinascita in Sicilia della produzione di canna da zucchero, secondo metodi rispettosi dell’ambiente e dei consumatori.”

“La cooperazione tra le nostre aziende – aggiunge la consigliera Maria Torre, della distilleria Giovi – è essenziale per affrontare correttamente le problematiche del tutto nuove poste dalla coltivazione e lavorazione della canna da zucchero “.

Ovviamente – sottolinea il vicepresidente Hugo Gallardo, della distilleria Alma – uno dei compiti fondamentali del Consorzio sarà la tutela dell’origine e della qualità della materia prima e dei prodotti derivati attraverso disciplinari di produzione e lavorazione.”

È un ulteriore esempio, sostengono i fondatori del Consorzio, di “retro innovazione”, un percorso, cioè, che da un secolare passato può ridare una “seconda vita” alla canna da zucchero siciliana, creando nuove opportunità di reddito e occupazione. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.