Bagheria, maxi sequestro di tonno rosso in una pescheria - Live Sicilia

Bagheria, maxi sequestro di tonno rosso in una pescheria

I finanzieri hanno trovato 18 esemplari non tracciabili
NEL PALERMITANO
di
0 Commenti Condividi

I finanzieri della compagnia di Bagheria hanno sequestrato 4 tonnellate e mezzo di tonno rosso in un deposito di pesce riconducibile a una pescheria di Bagheria, nel Palermitano. I militari hanno individuato alcuni furgoni che arrivavano da Porticello, nel comune di Santa Flavia, che di notte procedevano a velocità verso un deposito a Bagheria.

Durante il controllo nel deposito di pesce, completo di celle frigorifere, hanno trovato diciotto esemplari di tonno rosso pinna blu senza i documenti che ne accertavano la tracciabilità e davano la possibilità di commercializzare il pesce.

Le regole

La pesca del tonno rosso pinna blu è infatti sottoposta a rigide regole di contingentamento e tracciamento. Da un lato sono finalizzate a impedire che vengano immessi sul mercato prodotti ittici non sicuri per la salute dei consumatori, dall’altro, a garantire la sopravvivenza di questa specie, ormai a rischio estinzione.

Le sanzioni

Il proprietario della pescheria è stato segnalato alla Capitaneria di Porto per le sanzioni da applicare che vanno da 2 mila a 12 mila euro per la vendita senza documenti e il sequestro del pesce che è stato donato al Banco Alimentare.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.