Arata, Nicastri collabora| Scattano due arresti - Live Sicilia

Arata, Nicastri collabora| Scattano due arresti

Paolo Arata

Svolta clamorosa nell'inchiesta dei pm di Palermo e della Dia di Trapani che coinvolge Paolo Arata

6 Commenti Condividi

PALERMO – La svolta è clamorosa. Vito Nicastri sta parlando con i magistrati di Palermo. Il primo risultato è l’arresto di di due persone. Finiscono ai domiciliari il funzionario dell’assessorato regionale all’Energia Giacomo Causarano e l’imprenditore lombardo Antonello Barbieri. L’inchiesta è la stessa che ha coinvolto il professore genovese Poalo Arata e l’imprenditore trapanese Vito Nicastri. Nicastri, il re del vento in affari con la mafia, da giorni riempie verbali davanti al procuratore aggiunto Paolo Guido e al sostituto Gianluca De Leo. Al momento è solo un dichiarante. Bisogna verificarne l’attendibilità. Nel frattempo, però, altre due persone finiscono nei guai giudiziari.

Il provvedimento è stato eseguito dagli agenti della Dia di Trapani. Il nome di Causarano era già venuto fuori nei giorni dell’arresto di Arata e Nicastri. Finora gli veniva contestato si avere intascato una tangente da 11 mila euro, mazzetta mascherata da pagamento di una prestazione professionale resa dal figlio. In cambio avrebbe passato informazioni sullo stato delle pratiche amministrative relative agli impianti di produzione di energia rinnovabili. Ora però le cose si complicano e la cifra schizza. Barbieri invece è indagato per intestazione fittizia, autoriciclaggio e corruzione.

Il 12 giugno scorso era già finito ai domiciliari Alberto Tinnirello, che prima di approdare al Genio civile era stato responsabile del Servizio III autorizzazioni e concessioni del Dipartimento dell’Energia e dei servizi di pubblica utilità dell’assessorato all’Energia. Una pedina fondamentale, secondo l’accusa, per Arata e Nicastri. Tinnirello e Causarano avrebbero lavorato in coppia non solo per aiutare gli amici, ma anche per stoppare i concorrenti.

Barbieri ad un certo punto avrebbe cercato di staccarsi da Nicastri per costruire con la sua Sun Power l’impianto fotovoltaico di Melilli e Carlentini che tanto faceva gola al suo ex socio. Causarano frappose degli ostacoli chiedendo che Barbieri presentasse subito dei documenti sulla disponibilità dei terreni. Barbieri, sapendo che si trattava di un pretesto per farlo fuori, attivò i suoi canali politici affinché venissero chieste spiegazioni a Tinnirello. 

A chiarire anche questi passaggi politici potrebbe essere Vito Nicastri. Il “re del vento” in affari con la mafia sta parlando con i magistrati di Palermo. Di sicuro ha già parlato di un giro vorticoso di mazzette. In ballo c’erano 500 mila euro a concessione ricevuta, di cui già cento pagati. Causarano avrebbe intascato mazzette per sé stesso e per Tinnirello, ma aveva carta bianca per soddisfare le eventuali richieste di altri dipendenti pubblici.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    “Francesco Arata, il “re dell’eolico”, Vito Nicastri collabora con i pm di Palermo: due nuovi arresti per corruzione”!
    Forse è cominciato il tempo che la Sicilia possa trovare il suo riscatto cacciando via i brutti collettibiancosporco dei burocrati, sempre gli stessi ladruncoli, che hanno educato anche i politicanti di passaggio a ribacchiare con loro!
    Consiglio a Musumeci di dimettersi.

    Secondo me qualche attuale assessore del governicchio regionale trema……

    Bene !
    SI FACCIA PULIZIA FRA I DIPENDENTI DELLA REGIONE SICILIA.
    PER TROPPO TEMPO ED IN TROPPI SONO STATI DISONESTI.

    Ma è lo stesso Nicastri del 2008 che era rimasto coinvolto anche in operazioni di società maltesi e lussemburghesi con altri soggetti?

    E’ inutile negare l’evidenza. PARLANO I FATTI.

    Nelle pulizie ha casualmente dimenticato i politici ed i politicanti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.