Catania, violenza: ex marito ai domiciliari con braccialetto - Live Sicilia

Catania, ‘Aprimi, ti ammazzo’: ex marito ai domiciliari

Un'escalation di violenza ha convinto la donna a denunciare.
VIOLENZA
di
0 Commenti Condividi

”Sei schifosa, non sei una buona madre”. Questo è solo un esempio delle offese che poi sono sfociate in una violenza psicologica incontrollata. Minacce e vessazioni continue. Non è bastata nemmeno la separazione a fermarlo. Ogni volta che andava a prendere i figli era l’occasione buona per continuare a denigrarla e aggredirla verbalmente. L’epilogo è stata la denuncia, l’indagine e la misura cautelare nei confronti del 35enne che ora è ai domiciliari – per ordinanza del gip di Catania – con l’applicazione del braccialetto elettronico. Ad eseguire il provvedimento sono stati i carabinieri della Stazione di Tremestieri Etneo. L’accusa è maltrattamenti in famiglia. Ancora siamo ad uno stadio dell’inchiesta dove non vi è stato il contraddittorio delle parti, ma le indagini fin qui espletate hanno fatto emergere i comportamenti violenti che l’uomo ha assunto nei confronti della donna dopo la nascita del secondo genito e parallelamente al trasferimento in un’altra casa. 

I due si sono spostati nel 2013, poi nel giugno del 2020 è arrivata la separazione legale. La moglie non riusciva più a sopportare scontri e vessazioni. Ma la gestione dei figli ha portato a non fermare le aggressioni e le minacce. Che sono arrivate anche ad essere fisiche. Un episodio in particolare: “nel 2021 l’uomo, dopo aver riaccompagnato il figlio a casa, all’invito della donna di lasciare l’abitazione, nonostante la presenza del minore, avrebbe reagito furiosamente afferrando la donna per la gola, schiaffeggiandola in viso e minacciandola”, scrivono gli investigatori in una nota.

Lo scorso gennaio, appena un mese fa, l’ennesimo episodio. “Il 35enne, presentatosi immotivatamente davanti all’uscio di casa della donna, avrebbe battuto con violenti pugni contro la porta, intimandole di aprire e gridando: “aprimi, ti ammazzo”.  Ma non solo, il padre parlando con il figlio nel corso dei una videochiamata avrebbe ingiuriato ripetutamente la madre. Non solo violenza dunque, ma anche umiliazioni davanti ai minori. La donna è arrivata ad avere paura per la propria incolumità e quella dei suoi figli. Certamente quanto accaduto negli ultimi mesi a Catania, tra i fatti di Vanessa e Jenny ha reso ancora più timorosa la mamma. Sono stati continui anche i messaggi telefonici dell’uomo dove minacciava la donna e dimostrava tutta la sua ossessiva gelosia. La donna, stanca e impaurita, ha deciso di rivolgersi ai carabinieri  che a seguito delle indagini hanno arrestato l’ex marito. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *