Catania capitale | della scherma - Live Sicilia

Catania capitale | della scherma

I successi di Garozzo e Fiammingo. C’è chi ha visto oltre e ha lavorato con lungimiranza, come il presidente della federazione regionale.

Olimpiadi
di
2 Commenti Condividi

CATANIA. Il trionfo olimpico della scherma catanese non nasce per caso. Non è frutto di improvvisazione. E nemmeno il tocco fortunato del fato.

Da Rossella Fiammingo a Daniele Garozzo: da Catania ad Acireale. Una manciata di chilometri che racchiudono in sé una vera e propria scuola che in questi anni si è fatta largo in un panorama italiano dove a comandare c’erano quasi sempre gli atleti del nord. Sacrificio e lavoro che oggi graffiano l’epopea in una Olimpiade di Rio che consegna alla storia dello sport italiano l’impresa dei due ragazzi cresciuti alle falde dell’Etna con l’impugnatura salda del sogno a cinque cerchi.

Ma non nasce nulla per caso. Se oggi Catania e la sua provincia diventano il capitale italiana della scherma è anche perché c’è chi ci ha visto lungo. C’è chi ci ha visto oltre e lavorato fino in fondo. Come il presidente della federazione regionale di Scherma, il catanese Sebastiano Manzoni, che di questa scuola è stato (ed è) il riferimento assoluto. Un merito riconosciuto da tutto il movimento: e che oggi si traduce nella bellezza e nella robusta conquista di un oro ed un argento. Ed a distanza di cinque anni, non va dimenticato che proprio Catania nell’ottobre del 2011 ospitò i campionati mondiali di scherma: ecco perché, nulla arriva oggi per caso.

“Quelli della Fiamingo e di Garozzo sono risultati straordinari: le Olimpiadi sono la sintesi di un lavoro svolto da tutti. E queste medaglie sono un riconoscimento per tante persone”, dice Sergio Parisi (altro catanese) vice-presidente del Coni Sicilia. “Quello della Scherma – prosegue – è un risultato assoluto che vede il presidente Manzoni da anni in prima linea. E si tratta di risultati straordinari se paragonati a come è trattato lo sport in Sicilia: alludo ai pochi fondi destinati ed alle infrastrutture. Spero che queste emozioni vengano portati sul terreno della concretezza quando si tratterà di di dare supporto allo sport siciliano”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Catania, Acireale e Santa Venerina, sede del PalaScherma, grazie.

    Catania? Perchè? I fratelli Garozzo sono acesi ed hanno praticato pedane ad Acireale, Modica e Santa Venerina… Catania non c’entra proprio nulla…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *