Catania, Dia, impresa in sospetto di mafia per i lavori sulla 284

Dia, impresa in sospetto di mafia per i lavori sulla 284

La ditta in questione ha già un'interdittiva per i legami col clan Cintorino di Calatabiano.
TRA ADRANO E BRONTE
di
0 Commenti Condividi

CATANIA. Controlli al cantiere dei “Lavori di ammodernamento e sistemazione della Strada Statale 284”, tra i comuni di Adrano e Bronte, in esecuzione del decreto emesso dal Prefetto di Catania Maria Carmela Librizzi, nell’ambito dell’attività di monitoraggio degli appalti pubblici condotta dal Gruppo Interforze istituito presso la Prefettura. 

L’accesso è stato coordinato dal Centro Operativo D.I.A. di Catania, con la collaborazione di personale della Polizia di Stato, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza ed il supporto dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro, del Provveditorato Interregionale per le OO.PP. Sicilia-Calabria – Settore Tecnico-Provinciale di Catania e dell’A.S.P. – S.Pre.S.A.L. di Catania. Alle operazioni hanno assistito dieci rappresentanti delle Polizie di altrettanti Paesi dell’Unione Europea, in qualità di osservatori in seno al gruppo E.N.A.A. (European Network for the Administrative Approach), nell’ambito dell’European Union Crime Prevention Network, unitamente a dirigenti del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia e della D.I.A. di Roma. 

All’esito del controllo sono state identificate 100 persone che lavoravano all’interno dell’area interessata, 97 mezzi da cantiere appartenenti a 42 società impegnate in forniture, sub-appalti e servizi per la realizzazione dell’opera. Tra questi, è stata accertata la presenza di mezzi e maestranze di una società, già destinataria di interdittiva antimafia, emessa dalla Prefettura di Catania in quanto, nel corso delle verifiche propedeutiche al rinnovo dell’iscrizione alla white list, sono emersi collegamenti di un socio con il clan mafioso “Cintorino” di Calatabiano. Per tale motivo, è stato intimato al direttore dei lavori di procedere all’immediata rescissione del contratto e all’allontanamento del personale e dei mezzi dal cantiere. 

Al termine degli accertamenti conseguenti all’accesso presso il cantiere, svolti dalla D.I.A., dalle Forze di Polizia e dagli altri enti intervenuti, verrà trasmessa apposita informativa al Prefetto di Catania


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *