Catania, primo caso di vaiolo delle scimmie: "Paziente isolato" - Live Sicilia

Catania, primo caso di vaiolo delle scimmie: “Paziente isolato”

La diagnosi, relativa alla presenza di virus Monkeypox, è stata confermata ieri, 6 luglio 2022.
POLICLINICO
di
0 Commenti Condividi

CATANIA – Primo caso di vaiolo delle scimmie a Catania. A confermare la notizia è il direttore generale dell’Azienda ospedaliera universitaria Gaspare Rodolico – San Marco, il dottor Gaetano Sirna. “Martedì 5 luglio, al pronto Soccorso del presidio Rodolico si è presentato un uomo, rientrato da poco dall’estero, con sintomi che hanno fatto subito pensare ad un sospetto caso di malattia Vaiolo delle Scimmie”, spiega il medico.

“Il paziente – prosegue Sirna – è stato immediatamente preso in carico dal personale sanitario e trattato secondo i protocolli previsti in questi casi. Dopo i primi rilievi, è stato quindi trasferito e ricoverato nell’Unità Operativa Complessa di Malattie Infettive dell’ospedale San Marco (diretta dal dottor Arturo Montineri), e posto in isolamento”.

La diagnosi, relativa alla presenza di virus Monkeypox, è stata confermata ieri, giorno 6 luglio, da esami di laboratorio effettuati a Palermo, grazie alla collaborazione con il responsabile del laboratorio epidemiologico del Policlinico Giaccone, il professore Francesco Vitale, e con il gruppo di lavoro di quest’ultimo

“Le condizioni cliniche del paziente sono discrete con quadro clinico tipico. Tengo a precisare – conclude il direttore Sirna – che si tratta di un caso di importazione della malattia e quindi non di contagio avvenuto nel territorio etneo. La malattia, tra l’altro, si trasmette non per via aerea, come nel caso di altri virus come il Sars-Cov2, ma per contatti stretti”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.