Catania, Pubbliservizi 400 lavoratori sul baratro: niente concordato

Catania, Pubbliservizi 400 lavoratori sul baratro: niente concordato

Questa mattina la decisione del Tribunale fallimentare.
DISPOSTA LA LIQUIDAZIONE
di
0 Commenti Condividi

CATANIA. La quarta sezione civile e fallimentare del Tribunale di Catania ha dichiarato “l’inammissibilità della domanda di omologazione di concordato avanzata da Pubbliservizi Spa”, società partecipata al 100% dall’ex Provincia ora Città Metropolitana di Catania. I giudici, presidente Mariano Sciacca, estensore Sebastiano Cassanisi, hanno anche disposto “la conversione dell’amministrazione straordinaria”, a cui la società era sottoposta, “in liquidazione giudiziale”.

Il Tribunale ha nominato come curatori gli avvocati Carmine Catania, Caterina Fascetto e Simone Melato e ha disposto “l’esercizio dell’impresa, allo stato, fino al 31 dicembre 2022” e che “alla scadenza, la Curatela depositi il rendiconto dell’attività”. Il provvedimento è stato reso noto dal presidente del Tribunale di Catania, Francesco Mannino, in considerazione del “particolare interesse sociale della vicenda”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *