Sindaco di Catania? De Luca ci crede e convoca i suoi - Live Sicilia

Sindaco di Catania? De Luca ci crede e convoca i suoi

La pazza idea che potrebbe diventare realtà.
AMMINISTRATIVE
di
5 Commenti Condividi

CATANIA – “Questa cosa mi stuzzica…” Cateno De Luca candidato sindaco. Di Catania. Davvero? La pazza idea di succedere a Salvo Pogliese, da semplice prurito, potrebbe diventare qualcosa di più grande. Un caso serio. Ad una settimana esatta dal voto che lo ha visto cedere il passo a Renato Schifani, il leader di Sud chiama Nord ha già ricaricato le batterie. Tant’è che ha convocato i suoi a Fiumedinisi e dettato l’agenda politica dei prossimi cinque anni. 

Nel giro di sette giorni anche l’impossibile può diventare potabile. “Mi avete messo una pulce nell’orecchio, non ci avevo pensato”, aveva detto De Luca a poche ore dal voto rispondendo alla provocazione di un giornalista che gli aveva chiesto del prossimo inquilino di Palazzo degli Elefanti. A mente fredda però è tutta un’altra storia.

Smaltita l’amarezza delle Regionali, potrebbe essere Catania l’obiettivo da centrare. Tant’è che De Luca ha chiesto pubblicamente ai maggiorenti etnei del movimento di guardare al calendario e fissare quanto la data per una riunione operativa. Prima ancora, però, incontrerà la colonna ennese del movimento. Due tappe fondamentali per rimettere in carreggiata una macchina elettorale che si è data come obiettivo intermedio quello delle Europee, per poi tornare nuovamente a bussare al portone di Palazzo d’Orleans. 

Catania, dunque. Un’ipotesi da vagliare con attenzione. O per sé o per qualche altro esponente del movimento. Di certo c’è che una proposta in campo ci sarà sicuramente. E non solo per sparigliare le carte, ma per giocarsela fino alla fine. In fondo, la conquista di due uninominali alle Politiche ha dato la conferma a De Luca che c’è uno spazio politico oltre i blocchi di centrodestra, centrosinistra e cinque stelle. 

Il dettaglio delle Regionali ci dice, invece, che in provincia di Catania l’ex sindaco di Messina è andato oltre il 21%. Ovvero, circa 5 punti percentuali sopra le liste che lo hanno sostenuto. Numeri che hanno consentito a Ludovico Balsamo, già assessore di Salvo Pogliese, di entrare all’Ars. Resta dare una prospettiva anche a quanti hanno scommesso sul leader peloritano senza raccogliere nulla. Anche per questo De Luca sta pensando alla mossa del cavallo. Anzi, dell’elefante. 

Si tratta insomma di decidere la strategia e agire. Perché c’è un’altra città che fa gola al capo di Sud chiama Nord. Ed è Taormina. Una piazza sì prestigiosa, ma leggera stando al numero degli abitanti. Un ingrediente che tuttavia non guasterebbe alcun piano strategico. Non fosse altro che, se eletto, non avrebbe l’obbligo di lasciare l’Ars e il progetto di guidare il governo ombra regionale.  


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Questo vuole fare trutto ma alla fine non farà niente. Presidente della regione,sindaco di Taormina,di Catania…….poi?

    io ne posso parlare perchè ho avuto la fortuna nonchè l’onore di averlo avuto come primo cittadino a Messina, Cateno ha indubbie capacità e qualità per potere dirigere due grandi città come Messina e Catania contemporaneamente oltre che una intera regione. In Italia non esiste la figura del doppio sindaco ma lui sarebbe l’unico fra tutti i politici che conosciamo a saperlo fare al meglio. Credetemi Cateno è un grande anche se purtroppo poco conosciuto a livello nazionale altrimenti gli avrebbero assegnato incarichi istituzionali molto più importanti di quelli che finora ha ricoperto.

    Il circo all’ombra du liotru!

    perseverare è diabolico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *