Cefalù, inaugurata stanza di Persefone: riservata alle vittime di reato - Live Sicilia

Cefalù, inaugurata stanza di Persefone: riservata alle vittime di reato

Alla cerimonia hanno preso parte il questore di Palermo, Leopoldo Laricchia, il presidente del Tribunale di Termini Imerese
NEL PALERMITANO
di
0 Commenti Condividi

CEFALÙ (PA) – E’ stata inaugurata nei locali del Commissariato di Cefalù la “Stanza di Persefone”, uno spazio riservato, dove si è ritenuto di riprodurre un ambiente protetto ove possano essere ascoltate vittime e testimoni di reati, rientranti a vario titolo nella categoria delle cosiddette “fasce deboli”.

Alla cerimonia hanno preso parte il questore di Palermo, Leopoldo Laricchia, il presidente del Tribunale di Termini Imerese, Raimondo Loforti, il Procuratore di Termini Imerese Ambrogio Cartosio, il sindaco di Cefalù Rosario Lapunzina e una rappresentanza di scolaresche e rappresentanti locali della Fidapa che hanno contribuito alla realizzazione della stanza di Persefone. Presente anche il vescovo di Cefalù Giuseppe Marciante che, con al fianco il cappellano della Polizia di Stato, ha benedetto i locali.

In concomitanza con la cerimonia, ha avuto luogo in piazza del Duomo di Cefalù, ai piedi della cattedrale, una tappa della campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne “Progetto Camper – Questo non è amore”. Un’idea, quella del “Progetto Camper” che, partito a luglio del 2016, in questi anni ha consentito di contattare decine di migliaia di persone, prevalentemente donne, intervenendo su situazioni di violenza e stalking che diversamente sarebbero restate sottaciute tra le mura domestiche. Con l’inaugurazione della stanza di Persefone, si è deciso di replicare in provincia un’idea già adottata con successo alla squadra mobile di Palermo, nella divisione di polizia anticrimine della questura e del commissariato di “Oreto-Stazione”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.