Civitanova, strangolato davanti a tutti: Alika, il video choc - Live Sicilia

Civitanova, strangolato davanti a tutti: Alika, il video choc

Le immagini che stanno facendo il giro della Rete
IL CASO
di
7 Commenti Condividi

CIVITANOVA – L’omicidio di Alika Ogorchukwu, il nigeriano di 39 anni ucciso venerdì 29 luglio a Civitanova Marche, è stato ripreso da alcuni passanti e le immagini choc in cui il suo aggressore, un 32enne campano, lo strangola in pieno centro stanno circolando in Rete.

L’aggressore lo ha colpito più volte con una stampella con cui Alika si aiutava a camminare, poi l’ha immobilizzato a terra facendo pressione con il proprio corpo. L’omicidio è stato ripreso dai passanti, ma nessuno è intervenuto per salvare la vita all’ambulante nigeriano.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    A parte il fatto che non so come l’assassino definito con problemi mentali possa lavorare in una acciaieria (sarebbe un caso unico in Italia) si è inoltre assistito alla solita lettera di scuse e perdono alla famiglia della vittima, ovviamente scritta non per mano o volontà dell’imputato ma come sempre dagli avvocati difensori, cosa che potrebbero risparmiarsi in quanto oltre che fare arrabbiare ancora di più i conoscenti della vittima è del tutto ininfluente ai fini del processo…….

    Il passante che ha girato il video dovrebbe subire una pena esemplare. Ha trovato tutto il tempo per riprendere l’omicidio anziché intervenire,anche tirando il proprio cellulare in testa a quel pazzo.

    I degni , andrebbero processati per omicidio pure chi ha fatto j video

    La cosa più brutta di questa storia è la signora o il signore che riprendono queste immagini e non hanno fatto niente x salvagli la vita a quel poveretto l’unico pensiero è sempre quello di riprendere e non farsi mai notare dovete metterci la faccia uscite allo scoperto siete colpevoli come quell’assassino

    Bisogna mettere la pena di morte per certi elementi

    ergastolo a lui e denuncia a tutte le persone presenti col cellullare in mano per omissione di soccorso e lavori sociali per 6 mesi a tutti!!

    Ma non esistono le condanne penali per l’omissione di soccorso? Come mai non vengono punite severamente tutte quelle persone che hanno “visto lo spettacolo” e non hanno fatto nulla?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.