Clochard bruciato vivo| Perizia psichiatrica sull'assassino - Live Sicilia

Clochard bruciato vivo| Perizia psichiatrica sull’assassino

Marcello Cimino

L'indagato in passato ha sofferto di depressione. (nella foto la vittima)

2 Commenti Condividi

PALERMO – Una perizia psichiatrica valuterà le condizioni di Giuseppe Pecoraro, accusato dell’omicidio di Marcello Cimino, il clochard bruciato vivo mentre dormiva sotto i portici della mensa dei poveri di via Cipressi, a Palermo.

Il giudice per le indagini preliminari Walter Turturici ha accolto la richiesta degli avvocati Brigida Alaimo e Carolina Varchi. Sono stati i legali a scoprire che negli anni passati Pecoraro, impiegato in una pompa di benzina, ha sofferto di crisi depressive. Ecco perché non escludono che la notte del 10 marzo, quando cosparse di benzina il giaciglio di fortuna di Cimino e gli diede fuoco, Pecoraro non era lucido.

Agli agenti della squadra mobile l’indagato disse di avere agito per gelosia. Era convinto che Cimino insidiasse la donna con cui sperava di avviare una relazione.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    E’ solo una precisa strategia difensiva: quando non hai dove attaccarti, quando sai che nulla può giustificare il gesto, quando sai che l’ergastolo è alle porte, ti giochi la carta dell’infermità mentale. La depressione è diffusissima tra la gente eppure non si va in giro a dar fuoco ad altre persone.

    Infatti…comunque se è malato mentale, che si curi in carcere…è un pericolo rimetterlo in libertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.