Comune, la Plaia punta all'obiettivo Bandiera blu - Live Sicilia

Comune, la Plaia punta all’obiettivo Bandiera blu

Michele Cristaldi: "Un'ambizione possibile"
IL MARE
di
1 Commenti Condividi

Catania – Il Comune di Catania sta lavorando al dossier da presentare, entro il 18 dicembre, alla fondazione internazionale Fee per potere partecipare alla procedura operativa per l’assegnazione del riconoscimento della Bandiera Blu per la Plaia del capoluogo etneo. Lo ha reso noto l’assessore al Mare, Michele Cristaldi, durante la presentazione dell’ordinanza per la sicurezza in mare emanata dalla Capitaneria di Porto.

“In questi giorni – ha spiegato – abbiamo avuto il riconoscimento della bandiera verde che segnala la grande attenzione verso i minorenni sia delle delle nostre spiagge libere e sia dei lidi. Negli ultimi due anni abbiamo realizzato le condizioni per fare avere la Bandiera blu alla nostra Plaia: un obiettivo possibile a cui lavoriamo in silenzio da mesi per migliorare gli aspetti fino a ora deficitari, tra questi la raccolta differenziata dei rifiuti, che da quest’anno – ha aggiunto l’assessore – diventera’ obbligatoria e che uno dei parametri indispensabili per puntare alla vetta della qualita’ del mare e dei servizi annessi. con la Bandiera blu, che significa anche uno scatto d’orgoglio per la comunita’ locale che punta a un obiettivo tanto ambizioso quanto possibile”.

Il sindaco facente funzioni, Roberto Bonaccorsi, ha sottolineato “l’importanza della risorsa mare per lo sviluppo di Catania” e di “come l’opportunita’ della bandiera Blu possa rivelarsi un ulteriore volano di crescita e opportunita’ occupazionale”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Un litorale (ed un mare) molto bello ma sbarrato alla fruizione pubblica in quanto pressochè privo di spiagge libere (solo tre e spesso mal gestite), con il posteggio pubblico solo in parte regolare, in altra parte in mano alla criminalità), senza marciapiedi se non all’inizio, senza servizi di alcun genere se non quelli dei lidi.

    Va bene che una bandiera blu non si nega a nessuno (è un premio a mio avviso poco serio e comunque di certo molto abusato a differenza delle Golette Verdi assegnate da Legambiente) però alla Plaja direi che siamo lontani, ma lontani assai dal poterla meritare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.