Consorzi di bonifica, protesta: "Niente stipendi, né indennità" - Live Sicilia

Consorzi di bonifica, la protesta: “Niente stipendi, né indennità”

La manifestazione davanti alla prefettura
PALERMO
di
1 Commenti Condividi

Fai Cisl, Flai Cgil e Filbi Uil hanno manifestato oggi davanti alle Prefetture siciliane per accendere i riflettori sull’emergenza dei consorzi di bonifica nell’isola.

“I lavoratori non ricevono né stipendio né indennità da parecchio tempo -affermano Adolfo Scotti, segretario generale Fai Cisl Sicilia, Filippo Romeo Segretario Flai Cgil Sicilia ed Enzo Savarino segretario generale Filbi Uil Sicilia – il turnover è bloccato fino al 31 dicembre per effetto dell’ultima legge di stabilità, i contenziosi ormai sono la costante nei consorzi di bonifica. Gli Enti sono in grande sofferenza e questo preoccupa ancora di più in un momento di difficoltà per l’agricoltura siciliana”. Fai Cisl, Flai Cgil e Filbi Uil chiedono che tutte le istituzioni e tutte le forze politiche intervengano con azioni immediate e concrete “per evitare che si arrivi allo stop dei consorzi, con tutte le gravissime conseguenze che ne deriverebbero”


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Scusate la mia ignoranza in materia ma in Sicilia esistono ancora zone paludose da giustificare la presenza di tutti questi consorzi di bonifica?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.