Covid: nuova ondata durerà settimane, ma niente restrizioni

Covid: nuova ondata durerà settimane, ma niente restrizioni

I contagi aumentano di parecchio, ma nessun allarmismo
LA PANDEMIA
di
0 Commenti Condividi

I contagi aumentano di parecchio, ma nessun allarmismo. “Ci troviamo in presenza di un aumento importante dei casi, ma molto meno significativo a livello di ricoveri ma non credo che andremo verso nuove restrizioni”.

Così il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri commentando l’attuale fase della pandemia ai microfoni di “Sabato anch’io”, sulle frequenze di Rai Radio Uno.

“Certo – dice – i numeri delle infezioni stanno salendo, ma negli altri Paesi europei dove questa ondata è arrivata prima dell’Italia i casi si stanno stabilizzando, il che ci porta a pensare che anche questa ondata come le precedenti avrà una durata di qualche settimana e poi andrà a spegnersi.

Con l’aumento dei casi è logico che salgano proporzionalmente anche i ricoveri, ma oggi ci troviamo in una situazione completamente diversa da quella dell’anno scorso: quasi 50 milioni di italiani hanno completato il ciclo vaccinale, 40 milioni hanno fatto anche la terza dose, e per chi è vaccinato sappiamo che le forme gravi della malattia sono molto meno probabili”.

Il virus è mutato, spiega Sileri. “Alcuni esperti ritengono che Omicron vada considerato un virus diverso dal Sars-CoV-2, meno aggressivo anche se più contagioso, ma ad essere cambiato è anche il profilo immunologico della popolazione, che in questi due anni ha conosciuto il virus, o naturalmente attraverso l’infezione, o artificialmente con la vaccinazione, o con entrambi”, afferma il sottosegretario alla Salute.

Riguardo alla campagna di vaccinazione, Sileri aggiunge: “Già oggi un secondo richiamo è indicato per gli over 80 e per i pazienti con fragilità, ed in autunno, con la disponibilità di un vaccino aggiornato alle varianti prevalenti, si potrà avviare una campagna vaccinale preventiva simile a quella anti-influenzale, ma con una raccomandazione più forte per le categorie a rischio vista la maggiore severità e contagiosità del Covid rispetto all’influenza. In una prospettiva di endemia, ovvero di convivenza col virus, credo che questa diventerà la prassi: una dose di richiamo ogni anno all’inizio della stagione fredda”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.