Covid, La Vardera: "Difendiamo i lavoratori in scadenza" - Live Sicilia

Covid, La Vardera: “Difendiamo i lavoratori in scadenza”

La nota del deputato.
SANITA'
di
2 Commenti Condividi

 “In commissione sanità abbiamo difeso a spada tratta i lavoratori COVID a cui scade il contratto giorno 31 dicembre.” Lo afferma l’onorevole Ismaele La Vardera che oggi ha preso la parola in commissione sanità alla presenza dell’Assessore al ramo Giovanna Volo, come si legge in una nota.

“La maggioranza si metta d’accordo su quello che intende fare con gli operatori sanitari, informatici e amministrativi che hanno fatto un grande lavoro durante il periodo del COVID e a cui scade il contratto giorno 31 dicembre. Ho assistito, afferma il deputato La Vardera, ad un ingeneroso ben servito dall’onorevole Margherita La Rocca Ruvolo ex presidente della commissione sanità, che ritiene che i suddetti lavoratori del Comparto sono “troppi”’.

“Ma se c’è una grande carenza di operatori sanitari, come possiamo immaginare dopo l’immenso lavoro che hanno fatto in estrema emergenza di mandarli a casa? Per questo – afferma La Vardera – riteniamo che la loro esperienza possa essere utile al comparto sanitario. Prendo atto della volontà dell’assessore Volo di volersi occupare di questi lavoratori e aver concordato con le preoccupazioni espresse in commissione. Sicilia Vera e Sud chiama Nord auspicano adesso che il Governo si faccia carico del loro futuro offrendogli le giuste garanzie”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
2 Commenti Condividi

Commenti

    Gentile onorevole, perché mai dovremmo assumere personale nel pubblico passando per un clic day? Perché mai dovremmo pagare amministrativi e informatici che manco sono previsti nelle piante organiche? Smettiamola. Li ringraziamo per il lavoro egregiamente svolto, ma è tempo di andare a casa e cercare un lavoro come fanno tutti gli altri siciliani. La loro assunzion è fuori da ogni regola e logica. Bene ha fatto l’onorevole La Rocca Ruvolo.

    Basta. Fate i concorsi pubblici invece della giostra del clic. Tutti a casa e concorsi. Se volete essere giusti. Avete fatto nuovi precari e ora li volete pure assumere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *