Covid, mascherine made in Sicily da oggi nelle farmacie - Live Sicilia

Covid, mascherine made in Sicily da oggi nelle farmacie

I dispositivi Ffp2 prodotti nell'Isola
LA PANDEMIA
di
2 Commenti Condividi

Da oggi sarà possibile trovare in farmacia le mascherine Ffp2 prodotte da imprese siciliane. Si partirà con una fornitura di 150mila pezzi settimanali, ma l’obiettivo è quello di incrementare i volumi. È quanto prevede l’accordo siglato nella sede degli industriali di Palermo, dai presidenti di Sicindustria, Gregory Bongiorno, del distretto Meccatronica, Antonello Mineo, e di Federfarma Palermo, Roberto Tobia. Il protocollo permetterà di tutelare, a un prezzo competitivo, la produzione made in Sicily di Dpi, garantendo la tracciabilità dei prodotti e rifornendo le farmacie di mascherine certificate, di qualità e a “chilometro zero”, con tutto ciò che ne deriva in termini di risparmio relativo ai costi accessori. Bongiorno si è detto “particolarmente contento di aver sottoscritto un accordo che garantirà non solo un ulteriore canale di sbocco per i dispositivi prodotti in Sicilia attraverso le farmacie, ma anche un incontro diretto tra le imprese che, attraverso Sicindustria, potranno approvvigionarsi direttamente dai produttori risparmiando sui tempi e sui costi”. E ha sottolineato che è anche “un modo anche per premiare chi ha saputo in un momento di enorme difficoltà rimettersi in gioco, dando così un futuro a impresa e lavoratori”.

La fornitura

“Con questo accordo – ha spiegato Tobia – le farmacie territoriali di Palermo e provincia da un lato si assicurano una fornitura tempestiva e continua e dall’altro contribuiscono a sostenere l’attività e i livelli occupazionali delle imprese locali del Distretto della Meccatronica offrendo una prospettiva di continuità per il futuro. Dopo questo primo passo, l’intento è quello di estendere la convezione a tutte le farmacie siciliane e anche a quelle nazionali”. “E’ un risultato importante – ha concluso Mineo – che valorizza lo sforzo compiuto dalle imprese sin dal primo periodo pandemico. Rispondendo a una precisa sollecitazione, infatti, le aziende hanno riconvertito i propri impianti per produrre dispositivi anti-Covid19. In questi due anni, però, il loro sforzo non è certamente stato ripagato dalle istituzioni che hanno continuato a rifornirsi di Dpi cinesi. Adesso, come Distretto abbiamo fatto richiesta alla struttura commissariale nazionale per poter essere inseriti nell’albo dei fornitori”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Ma a chi li dovete vendere? I cinesi detengono il mercato grazie ai ns. politici.

    sig. piragna , basta comprarli e si evita di detenere il mercato cinese almeno nel nostro piccolo aiutiamo l’economia siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *