Crac Anfe, Genco a giudizio | La battaglia dei lavoratori - Live Sicilia

Crac Anfe, Genco a giudizio | La battaglia dei lavoratori

Paolo Genco dell'Anfe

Parte civile ottanta lavoratori della Formazione professionale licenziati dopo il fallimento.

FORMAZIONE PROFESSIONALE
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – Tutti rinviati a giudizio, a cominciare da Paolo Genco, presidente dell’Anfe. Ottanta lavoratori si sono costituiti parte civile. Dopo il fallimento del colosso della formazione professionale, le cui procedure sono iniziate in piena estate, centinaia di persone hanno perso il lavoro e si ritengono vittime del sistema “fraudolento” su cui si sarebbe retta l’Anfe.

Rinviati a giudizio anche Paola Tiziana Monachella, responsabile dell’Anfe di Castelvetrano, Aloisia Miceli (direttore amministrativo dell’ente) e Rosario Di Francesco (direttore della Logistica della delegazione regionale Sicilia Anfe). Il processo inizierà il prossimo 6 dicembre davanti al Tribunale di Trapani. Ritroveranno il quinto imputato l’imprenditore Baldassare Di Giovanni. Genco, prima di essere scarcerato, è rimasto ai domiciliari da gennaio a marzo scorsi.

Secondo l’indagine del Nucleo di polizia tributaria della finanza trapanese, Genco avrebbe sfruttato una sfilza di fatture false per dimostrare di avere affrontato spese mai sostenute. E così fra il 2010 e il 2013 l’Anfe avrebbe ottenuto finanziamenti non dovuti dall’Unione europea. Ad emettere i documenti contabili sarebbe stato Di Giovanni, titolare della “General Informatic Center e della “Cooreplast”. Ottenuti i rimborsi Genco avrebbe speso i soldi per fini privati e cioè per comprare gli immobili intestati in parte a una società immobiliare, La Fortezza, amministrata da Di Giovani, e in parte a una dipendente del’Anfe, coinvolta nella frode.

Genco ci avrebbe guadagnato due volte perché gli stessi immobili venivano pure dati in affitto all’Anfe per ospitare i corsi di Formazione. Per dare una parvenza di legalità, l’Anfe avrebbe simulato di essersi rivolta alle società di Di Giovanni dopo avere fatto un’indagine di mercato per la fornitura di materiale informatico. Secondo la Procura, anche quei preventivi erano frutto di un accordo illecito. Perché tra i preventivi raccolti c’erano quelli esosi presentati da una società all’oscuro di tutto. Era inevitabile, quindi, che fossero le società di Di Giovanni ad aggiudicarsi la commessa.

L’inchiesta ha provocato il crac dell’Ente di formazione professionale. Appresa la notizia dell’indagine, infatti, la Regione decise di ritirare l’accreditamento all’ente. Niente accreditamento e niente finanziamenti. Il collasso è stato inevitabile. A farne le spese i lavoratori raggiunti da una lettera di licenziamento collettivo. In ottanta si sono costituiti parte civile con l’assistenza degli avvocati Marco Lo Giudice, Ernesto leone, Antonino Gucciardo e Donatella Buscaino.

La conferma alle ipotesi accusatorie arrivò all’indomani delle perquisizioni negli uffici dell’AnfeEra lo stesso Di Giovanni in un dialogo con una sua collaboratrice ad ammettere senza sapere di essere intercettato la difficoltà di dimostrare la veridicità delle forniture per circa tre milioni di euro.. “Anche perché molte volte si fatturava tutt’altro rispetto a quello che poi veniva dato anche in locazione… soprattutto in locazione”, spiegava la donna. Un’altra volta, a bordo della sua Mercedes, Di Giovanni sbottava: “… perché io non so come loro riescono a capire… quando mi dicono fammi dieci fatture… di cose… cancelleria… ma tu non capisci che mi stai chiedendo una cosa…”. Sarebbe la prova che le forniture di computer, stampanti e di tutto ciò che serviva per i corsi sarebbero state gonfiate. Era il metodo attraverso cui sarebbe stata creata una cassaforte con denaro liquido da spendere negli investimenti immobiliari.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    FORMAZIONE = MAGNA MAGNA

    GRAZIE A QUESTI INDIVIDUI ED AD UNA PLETORA DI SCANSAFATICHE….

    Onore a questi 80 lavoratori, anche in considerazione del fatto che tantissimi dipendenti della Formazione pur avendo perso il lavoro hanno finora continuato contro ogni logica a difendere coloro che hanno portato al fallimento i loro Enti.

    Caro Francesco, non so chi tu sia, La tua considerazione mi sembra proprio bizzarra, onore agli 80 lavoratori? Maaa, Ognuno e giusto che faccia quello che meglio crede, io per primo ho intrapreso diverse azioni legali, Genco se la vedrà lui se innocente buon per lui se colpevole deve pagare la sua pena. però una domanda mi sento di farla sia a te, agli 80, a tutto il resto dei lavoratori dell ‘ anfe e di tutto il Bacino formazione. Avete mai pensato di denunciare alla magistratura Il Pres. crocetta, l’ assessore Marziano e il Dirigente generale Silvia per abuso in atti D’ ufficio per non avere applicato le norme per la salvaguardia del personale ai scendi delle leggi vigenti? Vi ricordo che i lavoratori della ex kelleri da anni lavorano nella pubblica amministrazione, i lavoratori della ex dagnino altrettanto, i lavoratori della ex crocerossa li hanno mobilitati al tribunale, ex spadafora, ne potrei elencare a non finire , tutti lavoratori appartenenti al settore privato e nessuno di questi ha fatto concorso, quindi a voi la valutazione

    Ecco a cosa servono certi enti di formazione professionale: solo a fare arricchire chi ne sta a capo …

    Cavolate. Sono solo in 47 i dipendenti perché gli altri nemmeno sapevano del Rinvio a Giudizio e della Costituzione Parte Civile. Altrimenti sarebbero stati 600..

    Ma i soldi che ha rubato li restituirà?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *