Cuffaro: "Rovinato il giorno della memoria, vogliamo rifare la DC" - Live Sicilia

Cuffaro: “Rovinato il giorno della memoria, vogliamo rifare la DC”

“Vorrei dire a Pif che può tenere il suo animo disteso perché normalmente io querelo le persone non 'i pif'“
PALERMO
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – “Io e tanti palermitani e siciliani onesti abbiamo un sogno che comincia a realizzarsi, rifare la Democrazia Cristiana. Scegliere di inquinare un solenne giorno di memoria con uno squallido spettacolo politico da campagna elettorale per tentare di ‘mascariarla’ è stato a mio modesto parere disgustoso. È accaduto pure questo il 23 maggio con la volontà di certa parte della sinistra politica e la complicità di una parte di quella artistica e giornalistica”. Lo dice Totò Cuffaro, commissario regionale della DC Nuova.

“Vorrei dire a Pif – prosegue – che può tenere il suo animo disteso perché normalmente io querelo le persone non ‘i pif’. Considerata, quindi, la mia volontà di non querelarlo può anche sollevare l’avvocato che ha nominato dal palco, perché non avrà certo bisogno di essere difeso dall’avv. Leoluca Orlando Cascio. Questo mi è molto di conforto perché non dovendo difendere ‘i pif’ non querelati da me potrà occuparsi – tra una indignazione e l’altra nei miei confronti – di dare degna sepoltura alle oltre 1200 bare accatastate al cimitero dei Rotoli da oltre un anno. Questa però è la mia speranza ma non credo che lo farà. E comunque io ‘i pif’ non li querelo”.

“Su Lirio Abbate, oggi direttore del giornale L’Espresso mi limito a riportare pedissequamente ciò che è stato messo agli atti dagli inquirenti circa i suoi rapporti con Montante: ‘Dal contenuto della cartella di Montante denominata “Tutti” emerge la sussistenza di ottimi rapporti tra lo stesso imprenditore e il giornalista Lirio Abbate risalenti già al 2008’. Colazioni, pranzi, cene, ferragosto in barca, tutti meticolosamente appuntati da Montante fino al 2013, che testimoniano quella ‘sussistenza di ottimi rapporti’ tra i due. Magari se qualcuno avrà voglia di fare una ricerca scoprirà che sullo stesso palco della memoria del 23 maggio di un po’ di anni fa troverà insieme a spargere gocce di morale contro di me alcuni paladini dell’antimafia, al tempo molto in auge, politici e non che da un po’ chi fa antimafia vera ha scaricato. Ma Lirio Abate che li ha conosciuti bene e li ha frequentati, per motivi professionali naturalmente, ha preferito dimenticarli. Convenienza o loro hanno diritto all’oblio”. “Ieri come la maggior parte dei palermitani mi sono raccolto in preghiera per commemorare Giovanni Falcone, Francesca Morvillo ed i ragazzi della scorta eroi che hanno immolato la loro vita per difendere le Istituzioni, le libertà e combattere contro ogni forma di mafia. Ah dimenticavo… Mi perdoni, se può, il giornale La Repubblica se non mi sono mostrato sul palco. Capisco che a loro non basta la mia gogna mediatica, vogliono anche il linciaggio fisico e morale”, conclude Cuffaro.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    E’ un personaggio arrogante che non ha il minimo senso comune del gusto e della opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.