Il delitto della parruccaia| L'assassino l'ha fatta franca - Live Sicilia

Il delitto della parruccaia| L’assassino l’ha fatta franca

Antonietta Giarrusso

Il giudice per le indagini preliminari Lorenzo Iannelli ha accolto la richiesta di archiviazione della Procura. Antonietta Giarrusso fu massacrata a coltellate nella sua bottega di via Dante. In pieno giorno.

PALERMO - IL GIALLO IRRISOLTO
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Tanti sospettati, nessun colpevole. L’assassino della signora delle parrucche l’ha fatta franca. Il giudice per le indagini preliminari Lorenzo Iannelli ha accolto la richiesta di archiviazione della Procura.

Antonietta Giarrusso, il 30 aprile del 2012, fu massacrata con 27 coltellate dentro il suo negozio di parrucche in via Dante, a Palermo. Aveva 63 anni. Qualcuno entrò nella bottega in pieno giorno. Agì con “efferatezza”, come scrive il giudice, e “non era un balordo”. Era, però, uno che conosceva benissimo la vittima tanto da farsi aprire, uccidere, e uscire chiudendo la porta come se nulla fosse accaduto. Si accanì contro una donna a cui “tutti volevano bene”. Sono state battute tutte le piste investigative, anche le più remote, senza esito alcuno.

Sono state una quindicina le persone sospettate. Il sangue trovato sulla tenda del negozio consentì di isolare il Dna dell’assassinio. Che, però, non apparteneva ad alcuno dei sospettati. Amici, parenti, conoscenti, commercianti della zona e persino un transessuale, cliente della Giarrusso abile a soddisfare, con la sua maestria artigianale, la voglia di apparire donna di chi ha scelto di non essere uomo.

Un delitto efferato consumato con un coltello e un paio di forbici. Ventisette colpi scagliati con forza contro la donna che provò pure a difendersi. E così quello di Ninetta Giarrusso resterà uno dei tanti delitti irrisolti di una città dove un assassino può restare impunito.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Vedo con mio rammarico che questa notizia non sconvolge la coscienza di nessuno. Questa é la ns città, ci angosciamo per un cane abbandonato e diventiamo insensibili per notizie più importanti. Cara mia Palermo non cambierai mai.

    Mi sembra veramente assurdo archiviare un indagine per un delitto efferato e cruento…. Non è stato un incidente, non si può archiviare un indagine così..!!! Assurdo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *