"Donazioni per un milione" |Notarbartolo vuole chiarezza - Live Sicilia

“Donazioni per un milione” |Notarbartolo vuole chiarezza

Immediata la replica del Ragioniere Generale: “Numerosi creditori a causa del paventato dissesto avevano manifestato l'intenzione di donare delle somme. Proprio per questo nel bilancio 2014 era stato istituito un capitolo di previsione dedicato".

Bilancio di previsione
di
0 Commenti Condividi

CATANIA – Una voce di bilancio intitolata “Donazioni”, per un ammontare complessivo di 1 milione di euro, “fondi inseriti nel bilancio di previsione 2014 del Comune di Catania, che sarebbero stati richiesti da Palazzo degli Elefanti a fornitori e imprese che hanno ottenuto i pagamenti delle spettanze arretrate con il Dl 35 del 2013”. Una voce “bizzarra”, come afferma il consigliere comunale del Partito Democratico Niccolò Notarbartolo, che questa mattina ha presentato un’interrogazione urgente all’Amministrazione comunale “sulla scelta quanto meno inusuale – spiega – di richiedere un libero contributo a chi ha legittimamente incassato delle somme, probabilmente cospicue, ma in ogni caso dovute”.

“Ritengo doveroso che la Ragioneria Generale faccia chiarezza e renda pubbliche le somme effettivamente incassate nel capitolo Donazioni, con l’espressa indicazione dei nomi dei soggetti donatori e degli importi da ciascuno donati – prosegue Notarbartolo – Ma credo sia necessario anche verificare su quali basi realistiche sia stata ipotizzata un’entrata di importo pari ad 1 milione di euro a titolo di donazioni, anche perché nel bilancio di previsione devono essere iscritte solo le entrate ragionevolmente accertabili nel periodo di riferimento, soprattutto alla luce dei fragili equilibri finanziari del Comune”. Nella stessa interrogazione il consigliere comunale del Pd chiede “di rendere noti con quali provvedimenti sono stati richiesti questi ‘liberi contributi’ ai fornitori, aziende che finalmente erano riuscite a ottenere, dopo anni e anni di attesa, il pagamento dovuto e se la richiesta della donazione da parte del Comune sia stata effettuata prima o dopo i pagamenti delle spettanze ai fornitori stessi per i lavori che avevano eseguito per l’amministrazione comunale”.

Il Ragioniere generale del Comune ha risposto alle perplessità di Notarbartolo. “Alla fine dell’anno 2013 – si legge nella nota – il Comune di Catania aveva debiti scaduti e non onorati per oltre 200 milioni maturati nel corso degli anni precedenti. Nell’anno 2014, in ragione della disciplina prevista dal DL 35/2013, è stato possibile procedere al loro pagamento. In tale occasione numerosi creditori che avevano temuto di non ricevere alcunché a causa del paventato dissesto, avevano manifestato l’intenzione di donare delle somme che il Comune avrebbe potuto utilizzare per piccoli interventi di ristrutturazione del tessuto urbano”. “Proprio per questo – spiega il Ragioniere generale – nel bilancio 2014 era stato istituito un capitolo di previsione dedicato che potesse consentire la ricezione di tali somme. Capitolo correlato con voce di spesa in conto capitale. Dopo la conclusione dei pagamenti ex DL 35 nessuna donazione è pervenuta al Comune”. “Mancando le entrate – conclude la nota – nessuna somma in ingresso è stata accertata e conseguentemente nessuna somma in uscita è stata impegnata. Di conseguenza nessuna refluenza si è verificata in sede di consuntivo”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.