Palermo, droga: torna nella casa dove tentò la fuga attraverso i tubi

Droga e mafia, torna nella casa dove tentò fuga calandosi dai tubi

Concessi di nuovo i domiciliari a uno degli arrestati nel blitz di Porta Nuova
IL RIESAME
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – È tornato nella casa da dove ava tentato di scappare calandosi dal terzo piano attraverso la tubatura del gas. A Giuseppe D’Angelo sono stati concessi gli arresti domiciliari. Il tribunale del Riesame ha annullato l’ordinanza con cui era stata aggravata la misura cautelare.

D’Angelo, difeso dall’avvocato Salvatore Ferrante, era stato coinvolti nel blitz contro la mafia di Porta Nuova. Farebbe parte delle rete che si occupa dei traffici di droga agli ordini di Cosa Nostra.

Il giorno che i carabinieri andarono ad arrestarlo scelse la strada della fuga rocambolesca. I militari, visti i suoi tentativi del passato, si erano organizzati. Avevano cinturato l’abitazione e lo fermarono quando credeva di essere riuscito nel suo intento.

Gli iniziali arresti domiciliari previsti dal giudice furono subito tramutati in carcere. Un aggravamento della misura impugnata dall’avvocato Ferrante.

Quest’ultimo ha sostenuto che il tentativo di fuga non andato in porto non incideva sulla valutazione della pericolosità sociale e sul rischio di reiterazione dei reati rispetto all’iniziale ordinanza di custodia cautelare.

Non si conosce ancora la motivazione del provvedimento, ma la tesi difensiva dovrebbe avere fatto breccia nei giudici. D’Angelo torna ai domiciliari.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ormai sta finendo a barzelletta. Tutti ai domiciliari a continuare a delinquere e inquinare le prove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.