E il vescovo cantò Noemi e Mengoni - Live Sicilia

E il vescovo cantò Noemi e Mengoni

Monsignor Antonio Staglianò, vescovo di Noto

Monsignor Staglianò non è nuovo a esibizioni canore durante le omelie, ma la sua ultima performance durante una cerimonia di cresimandi rischia di far diventare il vescovo di Noto una vera star. GUARDA IL VIDEO ALL'INTERNO

la curiosità
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – Non nuovo a esibizioni canore durante le omelie, monsignor Antonio Staglianò, vescovo di Noto, stavolta rischia di diventare una star dopo che qualcuno ha caricato su Youtube la sua ultima performance durante la cerimonia per i cresimandi che si è svolta lo scorso 22 marzo a Scicli, nel Siracusano. Il religioso ha intonato due brani di altrettanti idoli dei giovani: Noemi e Marco Mengoni e il video spopola sui siti web. Della cantante ha scelto “Vuoto a perdere”, mostrando doti canore non comuni: “Sono un’altra da me stessa, sono un vuoto a perdere. Sono diventata grande senza neanche accorgermene”. Il vescovo ha insistito sul vuoto e ammonito i giovani a ritrovare se stessi aggirando “le mode dell’ipermercato, dove la gente ti guarda se hai i soldi e non il cuore”. A sostenere Staglianò nella sua intemerata anticonsumista, arrivano altri due brani di Mengoni: “Guerriero” e “Essere umani”. E così il vescovo canta: “Mentre il mondo cade a pezzi io compongo nuovi spazi e desideri…”. Infine chiarisce che le sue citazioni hanno una funzione pastorale: “Il vescovo – dice rivolgendosi ai fedeli che lo applaudono – deve citare per fare capire le cose, altrimenti non capiamo nulla. Se cantiamo, le cose si capiscono”. E aggiunge: “Amore può diventare una parola vuota e stupida, solo il cuore può riempire le parole del loro contenuto umano”. “‘Essere umani’ – conclude -. Vedete come Mengoni ruba i temi delle mie prediche?”.

GUARDA IL  VIDEO

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Non c’è nulla di strano la Chiesa è un popolo in cammino.

    Non ha fatto la soubrette, ha posto l’accento sul contenuto delle parole che scaldano i cuori dei giovani.
    Nei giovani c’è tanta “pulizia”, anche se a qualcuno può dispiacere.

    Ma smettetela…! È totalmente ridicolo.. danno solo impressione di essere persone che cercano appeal ed un ruolo nella società.. con scarsi risultati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.