Ferragosto 2022 tra la spazzatura: lo scempio della generazione “Greta” FOTO - Live Sicilia

Ferragosto 2022 tra la spazzatura: lo scempio della generazione “Greta” FOTO

Gli slogan in inglese per l'ambiente riecheggiano tra la spazzatura lasciata dai "gretini"
6 Commenti Condividi

GIARDINI NAXOS (ME) – Gli slogan in inglese per l’ambiente riecheggiano tra la spazzatura lasciata dalla generazione “Greta” sulla spiaggia di Recanati.

Tutti bocciati i 14enni e i 16enni all’esame del Ferragosto 2022. Il Friday’s for future si infrange tra le onde che trascinano bottiglie di plastica, vetro, assorbenti e preservativi in quella spiaggia assaltata – come mille altre – e stuprata senza cartelloni ma con schiamazzi simili a quelli degli “scioperi scolastici per il clima”.

Sagome si aggirano fin dall’alba tra le tende, qualcuno vomita (ma dal punto di vista ambientale è positivo perché diventerà humus), i tizzoni ardenti dei falò attendono i piedi dei bagnanti, ma qualcosa è andato storto in un meccanismo primitivo, sorto ben prima dell’arrivo di Greta e delle proteste nate per marinare la scuola.

Sarebbe bastato inserire, anche facendo un selfie, se necessario, la spazzatura in una busta, anche senza differenziarla. Sarebbe stato sufficiente accatastare la monnezza insieme all’altra, lasciata dal mega lido di ferro, poredon e lastre di cemento che è sorto armonicamente sul demanio pubblico in pochi mesi.

E invece i “gretini”, qui il termine ci sta tutto, hanno fatto peggio dei genitori, quelli ai quali ripetevano, alla fine dei cortei, dove bisogna “conferire” la plastica.

Plastica gettata sulla sabbia, calpestata, anzi “modellata” con i piedi. Bottiglie di vetro rotte, gettonatissime quelle di birra, gin e aperol. Ci sarà ancora tempo per il “future”, il presente già basta com’è.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    ma che vi aspettate? è la generazione che delega le colpe agli altri ed anche il lavoro per risolvere i disastri, cionondimeno non hanno torto, anche noi nella nostra incoscienza giovanile di certo ci saremmo comportati come loro, la coscienza del fare e di rimboccarsi le maniche è dovuta al bisogno, bisogno del lavoro, bisogno di pagare bollette e tasse, e sin quando ci srà qualcuno che pagherà al posto loro (e nostro da giovani) non ci sarà mai una coscienza ecologica e sostenibile, che è bello parlarne, ma difficile attuarla.

    Eh si l’importante era che UE e Stati bandissero dal commercio le plastiche monouso (chissà quanta gente avrà perso il lavoro per la chiusura delle relative aziende) oppure imporre il bando di vendita di auto coi combustibili tradizionali, perché tutti si possono permettere l’auto elettrica avendo garage muniti di prese idonee, le colonnine di ricarica si trovano ovunque e il problema dei lunghi tragitti sembra non esserselo posto nessuno! Però a civilizzare la gente e dargli una corretta educazione ambientale, anche a suon di multe se necessario, non ci ha mai pensato nessuno a parte i vuoti slogan! Il discorso protezione dell’ambiente, dovunque lo rigiri, è solo un’eterna contraddizione. Dobbiamo salvare il pianeta quindi spegnete tutti i condizionatori voi gente qualunque perché poi però si dovranno climatizzare gli stadi per permettere i mondiali in Qatar oppure inondare le piste di neve artificiale per aver fatto svolgere le olimpiadi invernali a Pechino!!!! Insomma di Gretini, di nome e di fatto, ce ne sono davvero un’infinità!

    L’ho vista anche io la munnizza abbandonata sulla spiaggia ma …. che c’entra con Greta e i Fridays For Future? I falò e la munnizza del 15 agosto ci sono da “sempre” e forse i “gretini” sono gli amministratori che pur sapendo e immaginando non fanno mai niente.
    Ma poi che c’entrano quei ragazzi “mordi e fuggi” quando la sabbia è normalmente un lenzuolo di cicche? Ma perché: le ultime ordinanze di divieto di balneazione al torrente Mazzeo, al canale Recanati e al torrente che attraversa Giardini sono colpa di Greta? Ma mi faccia il piacere di pensare prima di scrivere un articolo……bisogna indignarsi, certo, ma sempre e non solo a ferragosto……e poi se la prenda coi genitori che non hanno saputo essere d’esempio per i propri figli e non coi ragazzi che se bevono o “fumano” , se ballano e cantano forte è per sfuggire un po a questa arida società che NOI gli abbiamo apparecchiato. Ci vada Lei a studiare fuori sede, ci vada Lei a rischiare la vita in bicicletta mentre NOI li affumichiamo con le nostre auto, ci provi Lei a diventare vegetariano mentre gli altri ti guardano come se fossi un demente, ci pensi un po Lei a quanta fatica, rassegnazione e incredulità occorrono per essere quello che si è davanti a tutti…….omosessuale o trans o altro ….. la prego, lo riscriva l’articolo e la smetta di invidiare la gioventù che ormai è lontana…..

    Mi associo al commento di Dario. Quanto qualunquismo in questo pessimo pessimo articolo. Fare di tutta l’erba un fascio, mettendo insieme i ragazzi sensibili sull’argomento con gli incoscienti che sporcano i luoghi che frequentano è criminale per uno che come professione dovrebbe (?!?) fare il giornalista.

    Ma cosa c’entrano i giovani che manifestano per l’ambiente con questi porci che ne sono l’esatto contrario. Mi associo al giudizio di becero qualunquismo su queste quattro frasi buttate lí tanto per riempire uno spazio a disposizione. Una testata giornalistica dovrebbe controllare ciò che viene pubblicato.

    In quest’articolo si indicano dei colpevoli specifici (i giovani stupidi e superficiali) per un’azione che è stata sicuramente collettiva, commessa da adulti e ragazzi. È esperienza comune come nelle spiagge per ferragosto si riuniscano non solo i “giovani scalmanati” ma anche famiglie composte da persone di tutte l’età. Se si è verificato un episodio di mal costume a causa di bagnanti maleducati, non c’è bisogno di andare a scomodare Greta e l’attivismo giovanile sull’ambiente. Prima di puntare il dito sulla riuscita o meno della sensibilizzazione fatta durante le manifestazioni dell’ambiente, bisognerebbe ricordare che azioni come queste sono il fallimento dell’educazione civica che deve essere insegnata in primo luogo nelle famiglie.
    Articoli che spingono all’odio generazionale come questo non hanno alcuna utilità, provocano solo grande tristezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.