Fiera del Mediterrano, inaugurato il centro accoglienza per gli ucraini - Live Sicilia

Fiera del Mediterrano, inaugurato il centro accoglienza per gli ucraini

Sarà pienamente operativo da domani, in attesa di ricevere i primi ospiti
PALERMO
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Taglio del nastro, questo pomeriggio, per il neonato centro di prima accoglienza per i profughi ucraini alla Fiera del Mediterraneo. Sarà pienamente operativo da domani, in attesa di ricevere i primi ospiti. La struttura sorge al padiglione 4 della Fiera: un locale a due piani interamente rimesso a nuovo grazie al duro lavoro dei volontari della protezione civile comunale che prestano servizio all’hub, coordinati da Tommaso Zirilli.

“Oggi la macchina dell’accoglienza siciliana compie un nuovo passo avanti, andando ulteriormente incontro a coloro che, dall’Ucraina, arriveranno nella nostra terra – ha dichiarato l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, presente all’inaugurazione -. Ci sono responsabilità di ordine sanitario che affida l’ordinanza del capo del dipartimento nazionale di protezione civile, dunque questo luogo si presta senz’altro alle esigenze di primo arrivo dei cittadini in fuga dalla guerra. Sono convinto che anche da questo punto di vista la Sicilia si dimostrerà la terra ospitale che è sempre stata”.

Tra i presenti, anche il direttore generale del Dipartimento di Pianificazione strategica dell’assessorato regionale alla Salute, Mario La Rocca; il generale di divisione Maurizio Angelo Scardino, comandante militare dell’Esercito in Sicilia; il prefetto di Palermo, Giuseppe Forlani; gli assessori comunali alla Scuola, Giovanna Marano, alla Protezione civile, Maria Prestigiacomo, e alla Cittadinanza solidale, Maria Mantegna, in rappresentanza del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che non ha potuto essere
presente per altri impegni.

“Ancora una volta Palermo si conferma modello di accoglienza, città che difende il diritto alla vita, strettamente legato al diritto alla pace – dichiara il sindaco Orlando -. L’amministrazione comunale, sin dai primi giorni del conflitto, è impegnata con azioni concrete nel dare assistenza ai profughi in fuga dall’Ucraina. Un’assistenza che continua giorno dopo giorno e che ora trova in questo nuovo centro, per il quale esprimo un sentito ringraziamento ai tanti volontari del gruppo di Protezione civile del Comune in servizio all’hub, un altro fondamentale punto di riferimento”.

A fare gli onori di casa, il commissario Covid della Città metropolitana di Palermo, Renato Costa, che ha mostrato i nuovi locali. “La creazione del centro dimostra una volta in più le capacità di questa struttura di plasmarsi a seconda delle esigenze – afferma Costa -. Lo abbiamo voluto fin dall’inizio come un hub multiforme e flessibile. Con questi cittadini, in fuga dalla guerra, faremo quello che abbiamo sempre fatto e siamo abituati a fare: star loro vicino. Prenderci cura di loro con un’assistenza mirata alle loro Problematiche, com’è nell’idea della medicina di prossimità che tanto amiamo. Potremo garantire loro all’arrivo tamponi, vaccini, l’assegnazione di un codice stp per accedere a tutti i servizi sanitari essenziali, le pratiche di equipollenza per riconoscere di aver già ricevuto dosi di vaccino all’estero. Determinante la collaborazione di tutti: Esercito, Protezione civile, Regione, Comune, che qui è il padrone di casa. Possiamo offrire un servizio straordinario, che dimostra che siamo pronti per qualsiasi emergenza, sanitaria e umanitaria”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    La malattia delle inaugurazioni. Non per fare polemica, ma cosa c’è da “inaugurare” un centro per profughi. Si apre e basta ….

    Prima il virus poi gli ucraini continua la mangiatoia e il business per le associazioni di volontariato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.