Flash mob a sostegno delle donne dell'Iran - Live Sicilia

Flash mob a sostegno delle donne dell’Iran

"La protesta, esplosa ovunque, a seguito della morte violenta di Mahsa Amini per mano della polizia morale di Teheran"
PALERMO
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Flash mob questa sera davanti al teatro Politeama a Palermo a sostegno del popolo iraniano e delle donne contro il regime degli ayatollah. Una manifestazione senza manifesti, bandiere, striscioni e altro che possano identificarsi con movimenti e gruppi politici.

“La protesta, esplosa ovunque, a seguito della morte violenta di Mahsa Amini per mano della polizia morale di Teheran, ha bisogno di essere amplificata dalla voce di tutti. Mentre il governo iraniano reprime le proteste, le donne continuano la loro protesta pacifica compiendo gesti di grande disubbidienza e dal forte valore simbolico, come bruciare in piazza lo hijab o tagliarsi i capelli e diffonderne il video in rete”, ricordano le manifestanti.

“Anche la rete sta diventando un problema per il governo di Teheran, per questo motivo da giorni i collegamenti internet, così come quelli ai principali social network, sono stati bloccati, per impedire la circolazione delle notizie. Nel suo nome le donne e i giovani iraniani – dicono gli organizzatori della protesta – anche a Palermo si sta manifestando per la libertà e il rispetto della dignità umana”.

In alto la foto pubblicata su Facebook da Raffaelle De Pasquale.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
1 Commenti Condividi

Commenti

    Perchè non andate a protestare a Teheran chiedendo la liberazione della ricca figlia di papà in viaggio da sette anni nei luoghi più rischiosi del mondo? Tanto se per rilasciarla gli ayatollah chiederanno una pesante cauzione sarà la nostra Farnesina a pagare con i soldi non del suo ricco papà ma di noi poveri contribuenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *