Forza Italia verso il commissariamento: le ipotesi - Live Sicilia

Forza Italia verso il commissariamento: le ipotesi

Una soluzione auspicata da entrambi i fronti.
LO SCENARIO
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – Uno spettro si aggira per Palazzo dei Normanni: lo spettro del Commissariamento di Forza Italia. L’unico punto sul quale sembrano essere d’accordo le due frange forziste, separate in casa a sala d’Ercole, è la necessità che il partito siciliano venga commissariato.

Miccichè e la tentazione di azzerare tutto

Una richiesta avanzata settimane fa da Stefano Pellegrino in chiave anti Miccichè e adesso sposata anche dal coordinatore azzurro. “Probabilmente c’è un modo solo per uscire dalla situazione di impasse che si registra oggi all’interno di Forza Italia, commissariare il partito in Sicilia. Io sono pronto a questa soluzione, ma l’importante è che si stabiliscano regole certe per il periodo commissariale. Insomma tutti dobbiamo poi seguire le indicazioni del commissario, ma la decisione spetta a Berlusconi”, ha recentemente affermato l’ex presidente dell’Ars. Una scialuppa di salvataggio, si sussurra a Palazzo, per ridurre i danni, soprattutto se venissero confermate le indiscrezioni della vigilia.

I papabili e il fattore Ronzulli

Sono due i nomi più gettonati per la reggenza del partito siculo: il vicepresidente della Camera, Giorgio Mulè e il capogruppo azzurro a Montecitorio, Alessandro Cattaneo, Il primo al momento sembrerebbe avere più chance anche perché considerato una figura di maggiore garanzia avendo buoni rapporti con i due duellanti azzurri: Renato Schifani e Gianfranco Miccichè, colonne portanti del partito dalla sua fondazione. La missione (impossibile?) sarebbe quella di ricucire uno strappo molto profondo. Cattaneo, invece, dovrebbe trovare dinnanzi a  sé una strada più stretta. I beneinformati lo considerano troppo vicino a Licia Ronzulli e all’area che ne porta il nome. Insomma, sarebbe più che un assist per la truppa di Miccichè. Nonostante il voto favorevole del vicerè miccicheiano Michele Mancuso alla manovrina di mercoledì (gli altri membri del gruppo erano assenti), la tensione resta alle stelle (basta guardare la moviola del video delle scazzottate verbali tra Miccichè e Falcone alla Festa del Tricolore per farsi un’idea) e l’ipotesi commissariamento, soprattutto con le amministrative alle porte, sembra ormai inevitabile.

Pellegrino: “Partito da riorganizzare”

L’operazione vedrebbe la luce a gennaio (salvo sorprese last minute sotto l’albero di Natale). Ma che ne sarà dei gruppi all’Ars? Chi dovrà cedere quote di sovranità? In zona filo-Schifani nessuno vuole bagnarsi prima che piova, il capogruppo Stefano Pellegrino non teme scossoni. “La situazione per noi è tranquilla nel gruppo di Forza all’Ars: attendiamo he Calderone opti per lo scranno romano e saremo in dieci. A Roma abbiamo fatto sapere che la decisione deve essere scontata, rappresentiamo l’80% degli eletti di Forza Italia in aula  non mi pare ci siano troppi dubbi su simbolo e nome, credito che deve essere dato al gruppo”, commenta ai microfoni di Live Sicilia. “Se arriva un nuovo commissario? Poi si vedrà. Da tempo non si fa il tesseramento e non ci sono state riunioni a livello ragionale né provinciale (penso ad alcune province come Trapani) il partito va certamente riorganizzato e rimodulato”, dichiara Pellegrino senza lesinare l’ennesima stoccata agli avversari interni. Insomma, un potenziale commissario non avrà di certo poco lavoro da fare.    


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    inutile girarci attorno sino a che Miccichè è in forza italia darà sempre problemi!!

    Se non si vuole fare di Forza Italia un partito satellite di musumeci affidandolo ai suoi amici, Micciche’è l’unico che ha personalità preparazione e competenza per riuscirci. Altrimenti diventerà un partito del 4% spostato troppo a destra e subalterno ai capricci di fratelli d’Italia. I voti clientelari sono importanti, ma i voti d’opinione sono tantissimi e non sono di estrema destra.

    Buttate fuori Miccichè e Forza Italia resusciterà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *