Ruba il carburante alla ditta per la quale lavora: fermato in flagranza VIDEO - Live Sicilia

Ruba il carburante alla ditta per la quale lavora: fermato in flagranza VIDEO

L’uomo, 63 anni di Paternò, è stato tratto in arresto dai militari della stazione di Ragalna: dalla cava erano stati denunciati altri furti
CARABINIERI
di
0 Commenti Condividi

Belpasso. A inchiodarlo sarebbero le videocamere di sorveglianza, che lo riprendono mentre riempie 4 taniche di benzina da un veicolo aziendale, all’interno di una cava di Belpasso. Per questa ragione è stato arrestato un operaio sessantatreenne di Paternò, accusato di furto aggravato.

È avvenuto sabato pomeriggio, anche se la notizia è stata res nota solo pochi minuti fa dai carabinieri del Comando provinciale di Enna. A eseguire l’arresto sono stati gli uomini della stazione di Ragalna. I militari erano intervenuti nella cava perché il titolare aveva denunciato il furto di importanti quantità di oli minerali e carburante appartenenti della società. Hanno controllato i veicoli di alcuni operai in uscita dall’azienda, tra cui una Fiat Seicento condotta dall’operaio, che trasportava nel bagagliaio quattro taniche di plastica contenenti 20 litri di gasolio ciascuna, che il conducente ha riferito di aver riempito in mattinata in una stazione di rifornimento di Paternò.

L’indagine ha però fatto emergere che ha mentito, perché i Carabinieri hanno voluto vederci chiaro e hanno visto le immagini del sistema di videosorveglianza in uso all’azienda, da cui è merso che poco prima l’operaio aveva asportato le 4 taniche da un veicolo aziendale, per caricarli nella propria macchina. L’arresto è stato convalidato dall’autorità giudiziaria, ma l’uomo è libero.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *