Gf13, Andrea razzista? |'Mandiamo Samba in Senegal' - Live Sicilia

Gf13, Andrea razzista? |’Mandiamo Samba in Senegal’

L'agente pubblicitario bolognese avrebbe pronunciato una frase a sfondo razzista nei confronti del coinquilino senegalese. A farlo sbroccare l'intolleranza verso le canzoncine africane intonate dal vù cumprà. Adesso Andrea rischia l'eliminazione.

LA FRASE CHOC
di
4 Commenti Condividi

Il post pubblicato sulla pagina Facebook dei sostenitori di Samba

Bufera su Andrea Cerioli. Come denunciato dai sostenitori di Samba Ndiaye sulla pagina Facebook dedicata al senegalese, il concorrente bolognese del Gf13 avrebbe pronunciato una frase a sfondo razzista nei confronti del coinquilino di colore. Andrea, non nuovo a battute infelici come il “mongolo” pronunciato all’indirizzo di se stesso, sarebbe dunque causa dell’ennesimo episodio di discriminazione all’interno della Casa. In diretta streaming l’agente pubblicitario avrebbe manifestato intolleranza verso le canzoncine africane intonate da Samba. “Prendiamogli un biglietto per Lampedusa e rispediamolo in Senegal“, avrebbe detto parlando con Roberto, Diletta, Valentina e Angela. A quanto pare, nessuno dei presenti avrebbe fiatato ad eccezione della più “saggia” Angela preoccupata di mettere in guardia il compagno d’avventura: “Stai attento a quello che dici“. Nell’attesa di sapere se il “Grande Fratello” dirà la sua sulla questione o prenderà qualche provvedimento, di sicuro – dopo quanto accaduto o semplicemente sussurrato nelle ultime ore – Andrea, finito nell’elenco dei nominati, è quello che rischia di più in vista dell’eliminazione di lunedì.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    è possibile che qualunque frase, anche la più insignificante, sia messa sotto processo? Se avessero detto ad una qualunque persona del Nord “rimandiamola/o in Lombardia..” non sarebbe successo nulla. Qui in Italia c’è un atteggiamento insopportabile di istigazione e di esasperazione in tutti i campi. Dimostriamo di essere dei provinciali incapaci di sorridere un po’ di più…..

    Notare come la pagina chiede agli utenti di agire “votando tutti uniti lunedì”, con l’unico guadagno che mediaset incassa dagli introiti degli sms. No, quella pagina non è gestita dal GF stesso. E gli asini volano.

    Ma cosa ci sarebbe di razzista in questa frase, mica gli ha detto “negro di m***a!”, gli ha solo detto di tornarsene al paese suo. Io non mi offenderei mica se in Svizzera mi dicessero “tornatene in Italia! “.

    Io ho l’impressione che l’africano é il vincitore designato di questa edizione del GF (porcheria che nemmeno seguo).

    ho visto il video con la frase “incriminata” dopo aver letto questo articolo e sono rimasto nel vedere il solito stravolgimento della realtà.
    vedendo il contesto e il tono con cui è stata riferita si può parlare al massimo di uno sfottò,niente di più!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.