Giorgia Meloni, Tolstoj e la Sicilia: l'algoritmo delle poltrone - Live Sicilia

Giorgia Meloni, Tolstoj e la Sicilia: l’algoritmo delle poltrone

Il caso Cannes
1 Commenti Condividi

PALERMO – Giorgia Meloni, al cospetto del caso Sicilia, dovrebbe avere il coraggio di ammettere che la “bella frase di Tolstoj, una fiaccola che ne accende un’altra e si trovano accese mille fiaccole…”, altro non era che l’espediente per animare l’algoritmo delle poltrone e degli incarichi a ogni costo.

Il “cuore che ne accende un altro e si trovano accesi milioni di cuori” riecheggia nei video virali con la musichetta epica e si infrange sul caso Cannes, con un assessore, Francesco Scarpinato, messo “sotto processo” dal presidente Schifani, sfiduciato di fatto e rinominato con un cambio di delega che lo lega alla poltrona più che all’etica della politica. Poltrone come le celebri fiaccole: spenta una, se ne accende un’altra.

E così Fratelli d’Italia, il “capriccio della storia e della politica”, diventa, al cospetto di un incarico da 13mila euro al mese, la beffa di un partito che vorrebbe leggere Ezra Pound e invece si ritrova a recitare il rosario della balena bianca tra sproloqui e colpi di testa. L’arte di conoscere se stessi si specchia con la guerra sotterranea per i posti nella giunta di Schifani, i nominativi calati dall’alto e il partito che ha come elemento fondante gli incarichi di sottogoverno e le caselle conquistate, senza voti, grazie al traino politico di Giorgia.

Con questi presupposti, bastava rifondare la Dc, ma ci aveva già pensato Cuffaro.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ha fatto un partito super clientelare, ma attento alle lobby e ai poteri forti. Se le classi disagiate, colpite duramente da meloni, non reagiranno durerà a lungo, altrimenti sarà dura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *