"Lui non doveva essere lì..." |Il dolore di una moglie a Barcellona - Live Sicilia

“Lui non doveva essere lì…” |Il dolore di una moglie a Barcellona

Cinque le vittime nell'esplosione

La tragedia nel Messinese
di
0 Commenti Condividi

BARCELLONA POZZO DI GOTTO (MESSINA) – “I miei figli ancora non sanno nulla, uno fa il compleanno tra pochi giorni e non so come dirglielo. E’ uno strazio. Lui vorrei che fosse ricordato col sorriso e con la forza di volontà che aveva sempre. Io so che non doveva essere lì, ma in un altro posto. Forse l’hanno chiamato, un’emergenza, non lo so…”. Così Giada, la moglie di Giovanni Testaverde, una delle cinque vittime nell’esplosione della fabbrica di fuochi d’artificio nelle campagne di Barcellona Pozzo di Gotto, nel Messinese.

“L’ho accompagnato nella sede della ditta per cui lavorava – ricostruisce la vedova – e mi ha detto ‘ci vediamo questa sera’. Sul letto ho ancora i suoi vestiti per la cena a cui saremmo dovuti andare quella sera, al suo rientro. Quando ho sentito il boato ho avuto paura, un sesto senso”. Giada ricorda il marito come un uomo “innamorato della sua famiglia”. “Andava a lavorare sempre per 20 euro al giorno – sottolinea – e non guardava sabato, domenica, festivi per non farci mancare nulla. Non lo so che faremo, è uno strazio. Secondo me ci dovevano essere maggiori tutele, quelli dove erano non sono luoghi dove si può lavorare”. Alla domanda se non sono stati rispettati tutte le norme di sicurezza, risponde: “secondo me sì”.

Intanto, è ricoverato ancora in gravi condizioni nel centro grandi ustioni dell’ospedale Civico di Palermo Antonino Bartolomeo Costa, 34 anni, figlio del titolare della ditta Costa e uno dei due feriti nell’esplosione. La prognosi è riservata: ha ustioni di secondo grado in gran parte del corpo. Per tutta la notte i familiari sono rimasti nel reparto. Questa mattina in ospedale sono arrivati anche i carabinieri che hanno visionato la cartella medica del ferito e sentito i sanitari.

(ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.