Giusto Catania e la sinistra che non capisce la sconfitta

Giusto Catania e la sinistra che non capisce la sconfitta

Le elezioni, gli alibi di chi ha perso. L'analisi coraggiosa di Fausto Melluso.
PALERMO 2022
di
40 Commenti Condividi

Perché Roberto Lagalla e il centrodestra hanno vinto le elezioni a Palermo? Non per una congiuntura astrale sfavorevole, magari legata a un’irruzione delle forze del male, come certa sinistra si ostina a credere. La stessa sinistra che recrimina per la sconfitta, in calce a un suo classico errore: ha indicato un orizzonte a media-lunga scadenza, senza preoccuparsi di quello che succedeva nel frattempo. Ha narcisisticamente declamato la sua voglia – come se bastasse – di una città giusta, solidale, ecologica e vivibile, attraverso pratiche illuminate, ma si è dimenticata delle mille bare dei Rotoli, della munnizza, dei servizi inesistenti, del caos, della sporcizia. Di tutte le cose necessarie e ‘di pessimo gusto’ – per chi è abituato a volare alto, in uno scompartimento più o meno garantito – che determinano il buono o il cattivo governo agli occhi degli elettori. Ricordarlo, oltretutto, significava essere bollati col marchio del panormosauro retrogrado, del nemico della contentezza, un po’ colluso, che non capisce niente.

La mancata presa di coscienza riecheggia nell’anatema di Giusto Catania, all’indomani delle votazioni: “Da oggi al governo della città ci sono personaggi meno limpidi, culture politiche più retrograde, esperienze discutibili, storie personali ambigue. Certamente potevamo fare di più e meglio ma due cose sono sicure: abbiamo curato il bene comune con onestà e presto ci Palermo ci rimpiangerà”. E’ la tipica assenza di una vera analisi politica, una posizione che non sa calcolare il peso di quel ‘potevamo fare di più e meglio’, visto che è stato fatto di meno e molto peggio.

C’è da preoccuparsi per il futuro della sinistra a Palermo, per gli aficionados e per chi ama la molteplicità degli sguardi. Se la premessa conduce all’incapacità di leggere un dato, non si comprende con quale materiale si potrà rifondare un’area che è stata protetta e, al tempo stesso, fagocitata dall’Orlandismo, fino a diventare indistinguibile. Tuttavia, c’è anche chi ha la forza di una descrizione, legata a uno schema ideologico riconoscibile, eppure capace di pensieri più ‘larghi’ e articolati.

Fausto Melluso è una figura nota che viene – e ci sta a suo modo – dallo stesso mondo di Giusto Catania. Lui, invece, ha scritto sul suo profilo social: “Continuiamo a spartirci i like dei nostri duemila amici e smettiamo di guardare fuori. La politica era popolare, faceva assemblee per discutere quello che si doveva fare, girava la città, si confrontava. Dov’è oggi quel circuito?”.

E ancora: “La disfatta della sinistra fa male, ma non stupisce: cambiamo nome ma non cambiamo ricette, e nella perdita di circuiti politici di cui sopra a perdere di più siamo noi, dispersi in uno spazio politico che fatica persino a definirsi. Oltre a pagare più di altri la punizione che, complessivamente, mi pare gli elettori abbiano dato a qualunque elemento di continuità con l’esperienza di governo trascorsa”. E’ appena l’incipit di un appassionato (e lungo) post che può diventare un discorso pubblico. Se gli avversari vincono, accade anche perché hai sbagliato tu. Riconoscerlo significa, dolorosamente, ricominciare. (Roberto Puglisi)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

40 Commenti Condividi

Commenti

    Catania, capire tu non puoi…. E avevamo te a giocare sulla cartina della città…. A nostre spese.

    Ma che abbiamo fatto di male per continuare a vedere sempre la stessa immagine ? E poi di domenica mattina? Pietà!

    Catania ma vai da grillo che ti manda, anche lui a vaffà

    :”si è dimenticata delle mille bare dei Rotoli, della munnizza, dei servizi inesistenti, del caos, della sporcizia.”
    Ma hanno dimenticato, forse non ci hanno mai pensato, anche cose più semplici come :
    I vigili per strada; la creazione delle rotonde che dimezzano gli incidenti presenti in tutte le città del mondo , la segnaletica a terra , i semafori direzionali che incolonnano il flusso delle auto . per non parlare di verde , di potatura, di spazi per bambini abbandonati i po biasimi esistenti in uno stato fatiscente e lurido è mai creati se non in modo cialtrone.Tutti questi signori che oggi parlano , cominciando da giusto Catania che con la solita arroganza pensa di avere fatto il suo con la “invenzione “della ZTL che scrive di rimpianti mi viene da dire che non solo non ci hanno capito nulla ma che non erano e non sono adeguati a ricoprire ruoli importanti per la governance della città.

    Pure voi però, Pretendere che Catania capisca.

    Può avere ragione, ma mi chiedo lui ha capito il suo operato sulle spalle della comunità?

    La voglio dire tutta la sconfitta di questo signor Catania lo visto di una grande soddisfazione , ben gli sta.

    Un genio, un vero “amico” dei palermitani e della città di Palermo!!! Che peccato!!!

    Il peggiore assessore che Palermo abbia mai avuto nella storia.
    Ztl e tram, due schifezze che abolirei subito.
    Meglio gli autobus elettrici, a metano o ad idrogeno.

    Fattene una ragione della sconfitta e medita su ciò, forse riuscirai ha comprenderne i motivi.

    Sarò controcorrente, ma la sinistra non ha perso aritmeticamente e come quantità di voti ma perchè frastagliata in tante liste.
    Facciamo i conti e vediamo che alla fine forse la sinistra (intesa come forze a sinistra del Pd) ha preso addirittura di più di 5 anni fa ma divisa è rimasta fuori clamorosamente anche per colpa di un assurdo sbarramento.
    Allora nel 2017 Sinistra Comune ha preso circa il 7%.
    Nel 2022 l’area, le forze e gli esponenti di sinistra comune si sono divisi in varie liste: Sinistra Civica Ecologista, Progettiamo Palermo, Lista Rita Barbera, Potere al Popolo.
    Ad esempio Giusto Catania, Barbara Evola, Marcello Susinno e Katia Orlando consiglieri uscenti si sono candidati con Sinistra Civica Ecologista. Fausto Melluso non si è ricandidato, mentre si sono ricandidati il presidente della prima circoscrizione Castiglia, i consiglieri di circoscrizione Governali, Susinno, Venturella, Brancato e altri…
    Invece Mariangela Di Gangi (che nel 2017 era portavoce di Sinistra Comune) si è candidata ed è stata eletta con più di mille voti nella lista Progettiamo Palermo. Alberto Mangano (fino a pochi mesi fa portavoce di sinistra comune) si è candidato con Progettiamo palermo ottenendo più di 500 voti ma non riuscendo. Alcuni candidati di Potere al Popolo (che nel 2017 non esisteva a Palermo) erano anni fa con Sinistra Comune. Altri elettori e iscritti di Sinistra Comune hanno votato per la lista Rita Barbera.
    Totale forze a sinistra del Pd: oltre il 15% (tra Sinistra Civica Ecologista, Potere al Popolo, Lista Barbera, Progetiamo Palermo).

    Soltanto Orlando ha capito che tu capivi. Infatti ne è usciya fuori una coppia da primato di………

    Finalmente è venuto a galla, quello che un po’ tutti immaginavamo e cioè che il consenso elettorale suo e del partito che rappresenta, è irrisorio per non dire ridicolo. Col tipo di politica che fanno, perderanno sempre più voti, fino a sparire del tutto. Lasciatelo cadere nell’oblio e nessuno lo rimpiangerà, invece di dargli considerazione, come se rappresentasse milioni di elettori!

    Il popolo ha votato, non l’ha riconfermato se ne faccia una ragione.
    Nella vita c’è chi vince e c’è chi perde ora ha perso lei.
    Buon lavoro

    Signor Marcello?
    Irrisorio che?
    Giusto Catania ha avuto più di mille voti, con molti meno voti sono entrati in consiglio molti consiglieri comunali…
    La legge elettorale non ha consentito ad una lista con il 4,3% e oltre 10mila voti di entrare in consiglio comunale…
    Sommando Sinistra Civica Ecologista, Potere al popolo, Lista Barbera, Progettiamo palermo, le liste a sinistra del Pd in totale hanno preso oltre il 15%.
    Altro che irrisorio!
    ps: udc, cantiere popolare di saverio romano, moderati per lagalla e altre liste dello schieramento vincente non sono entrate in consiglio comunale e hanno avuto molto meno della sinistra

    Puglisi, stai giudicando l’analisi di Catania da un post. Stai tranquillo che quelli con l’analisi della sconfitta ci sono, basta che vai a cercarli…

    che tenerezza,palermo e’bella e’convinto che la sinistra ha vinto poverino il caldo fa cattivi scherzi,adesso che ollando non c’e’piu’potremo dire davvero cha palermo tornera’bella

    @Palermo è bella
    Avete perso, la gente appena ha avuto la possibilità di votare vi ha mandato a casa per i danni prodotti ! Fine! E’ inutile fare la conta!!

    Anche a livello nazionale le sx sono destinate a sparire! E sarà un bene perchè esse non sono rappresentative dei bisogni dei cittadini, ma sono sempre impegnati in diatribe interne sulle poltrone da occupare e sul potere da gestire! La gente che lavora e paga le tasse ormai ha capito!!

    Nessuno ha chiesto questa risposta, anche perché bastano i dati a parlare chiaro e quelli, li sappiamo leggere tutti. Sono percentuali appunto irrisorie e non c’è bisogno neanche di scomodare nomi di liste secondarie: il 15 % lo vedete col binocolo e vi ci vorrebbe anche un buon ripasso di matematica per fare bene le addizioni, ma rimane sempre il fastidio di dover leggere simili incongruenze. L’estrema sinistra non esiste, punto e basta. Ha vissuto di luce riflessa grazie ad Orlando ma adesso la festa è finita ed i nodi vengono al pettine. Commenti simili o le dichiarazioni deliranti di Catania, dimostrano chiaramente quello che siete e per questo la gente non vi voterà mai!

    Come poteva pensare di vincere un amministrazione che non è stata in grado di risolvere nessuna, dico nessuna, delle criticità della città?

    PALERMO , SI DICO A TE , LASCIA PER UN MOMENTO CARTA PENNA E CALCOLATRICE ,
    PER FARE I CONTI MILLESIMALI DEL VOSTRO SU CESSO , ELETTORALE . MA PALERMO
    TI PARE VEO BELLA ?

    Rimpiangerli?
    Si…”come un alluvione di caponata sulla testa!”

    Al di là di chi abbia vinto le elezioni la grande vittoria della città è che il signor Catania sia fuori dalla politica e adesso dovrebbe cominciare a lavorare…

    x Palermo e’ bella…
    fatti una ripassata di se se se..la realta’ e’ questa
    La gente ha bocciato Giusto Catania e le sue politiche tram ztl immigrazioni blocco ai grandi store
    se metti tutto il centro sinistra ha perso contro il centro destra con 20 punti di differenza sono fatti non chiacchiere

    In Sicilia ha sempre governato il centrodestra, prima la democrazia cristiana, dopo forza italia e udc e adesso la destra. Se la Sicilia è ultima in tutto la colpa non è della Sinistra.

    La sinistra non capirà ma su questa destra si sa tutto e non c’è più niente da capire (cit.).

    P.S.: ancora aspettiamo gli assessori però per tanti benpensanti, in questo caso, le bare possono attendere i loro comodi.

    Per uno che ha gestito l’amministrazione, che ha avuto tutto lo spazio e la visibilità possibile, per uno che è stato per circa 15-20 anni assessore e goduto della popolarità di Luca Orlando, cosa vuoi che siano 1000 voti. Illustri sconosciuti, ragazzine alla prima esperienza hanno preso più del doppio di voti. Piuttosto che ricorrere a giustificazioni ridicole (la legge elettorale vale per tutti non solo per lui) perchè non fa una seria autocritica, magari a casa dove nessuno lo vede e dove potrà avere tutto il tempo che gli serve per capire, e dove gli hanno consigliato di stare i cittadini palermitani che lui, e altri, hanno offeso con un comportamento atavico o se preferisce retrogrado.

    Sig. “Palermo è bella”, la prego gentilmente ,per il futuro, di non rispondere ai miei commenti e di ignorarli come io farò con i suoi. Ognuno ha le sue opinioni, i dati sono agli occhi di tutti e le persone che leggono qui, sono abbastanza intelligenti, per capire chi dice la verità. Se avrà pazienza ne potremo riparlare tra 5 anni quando la coalizione di barbari e mafiosi (come li definivano Catania ed i suoi amici) che ha fatto eleggere Lagalla, avrà sicuramente distrutto la città e smantellato le immense conquiste del vostro idolo, il grande sindaco Orlando. A quel punto, la sua sinistra comune ed i vari partitini che ci menziona a sfinimento, avranno come minimo raddoppiato il consenso del 15%, che lei gli assegna già oggi, ed alleandosi col Pd e quello che rimane dei 5 stelle, stravinceranno le elezioni!!! Allora le darò ragione e le farò i miei complimenti, facendo ammenda delle mie valutazioni di adesso dove li definivo irrisori!

    mi fa quasi tenerezza, questa sua immagine sconfitta e afflitta. caro giusto catania, adesso ti tocca prendere la tua bella automobile, ed andare tutte le mattine a lavorare come facciamo da sempre tutti noi. a se non lo sapessi, il traffico a palermo è da terzo mondo, non si capisce nulla. mi dispiace per te che inizierai questa nuova esperienza in mezzo le macchine ed arrivare sistematicamente in ritardo al lavoro . e comunque grazie per la tua fallimentare esperienza politica.

    Ringraziando Dio, tu e il tuo sindaco non ci siete più, adesso sparite! Grazie

    In Sicilia ha sempre governato il centrodestra, prima la democrazia cristiana, dopo forza italia e udc e adesso le destre. Se la Sicilia è ultima in tutto la colpa non è della Sinistra.

    Dopo avere distrutto una città sono strafelice della sua sparizione politica, mi dispiace solo per i dipendenti della scuola dove tornerà.

    rispondo a giuseppe, che definisce un genio questo scarso assessore.
    secondo me, tu giuseppe sei un pensionato 80enne quiete , che passa le sue giornate serene fra il caffè al bar sottocasa, l’acquisto del giornale di carta in edicola, e che mestamente e con passo lento si fa fa il giro della sua abitazione, senza accorgersi del delirio di una città sprofondata nel caos che lo circonda…… continua cosi giuseppe , vai piano piano a goderti la città pedonale. ah dimenticavo, domani scendi presto e vai a comprare un po di fagiolina, cosi dopo la tua bella passeggiata mattutina, trovi qualcosa da fare a casa . ciao

    x il signor marcello:
    la matematica non è un’opinione.
    sinistra civica ecologista ha preso il 4,3%
    Progettiamo palermo ha preso oltre il 6%.
    La lista Rita Barbera e la lista di Potere al Popolo insieme hanno preso quasi il 5%.
    Totale liste a sinistra del Pd: oltre il 15%.

    x il signor pippo:
    Il vero vincitore è l’astensionismo, se voi di centrodestra siete contenti di avere vinto con il 45% del 40%, auguri!

    il centrodestra aveva unico candidato lagalla e non ha raggiunto il 50%. Ha vinto grazie ad una legge assurda che prevede la vittoria al primo turno con appena il 40%.
    Sommando tutti i candidati alternativi a lagalla, la somma è superiore al 50%. Quindi la maggioranza degli elettori non ha votato per il candidato di centrodestra.
    Anche la Donato non era candidata di centrodestra, ma candidata indipendente appoggiata dal partito comunista di rizzo e da azione civile di ingroia, due formazioni di sinistra-sinistra.

    x pino…”le sinistre sono destinate a sparire anche a livello nazionale”? ah ah ah ah
    ieri le sinistre hanno vinto ovunque, persino in roccaforti di destra come verona, catanzaro e monza!
    la destra ha perso ovunque da nord a sud passando per il centro.

    x pino u seriu: lagalla e molti di centrodestra sono cattolici e quindi sull’immigrazione sono umani, accoglienti e solidali come orlando e la sinistra, fatevene una ragione. Avete vinto con il 45% sul 40% di votanti e grazie ad un moderato cattolico e riformista come Lagalla….con qualunque candidato di destra sovranista, leghista e nazionalista avreste straperso!

    x deangelis: veramente giusto catania ha avuto più di mille voti, mentre molti consiglieri comunali sono stati eletti con meno di mille voti…Giusto Catania ha avuto molti voti, purtroppo uno sbarramento assurdo ha tenuto fuori una lista importante con il 4,3%. Il resto lo ha fatto la presenza di 4 liste a sinistra del pd, un suicidio elettorale che ha danneggiato la sinistra. Infine reputo sbagliatissimo lo sbarramento del 5% anche per liste dello schieramento avversario che non sono entrate, come udc, cantiere popolare di saverio romano, moderati per lagalla…avete poco da ridere, perchè per un soffio la lega è entrata, ha preso il 5,1%.
    destra, centro e sinistra si devono accordare per togliere questo assurdo sbarramento sia alle comunali sia alle regionali

    x Palermo e’ bello ,.,.,giusto? hahah ieri ha vinto il centro sinistra GRAZIE al centro destra diviso, ringrazia Salvini..
    poveretto la sinistra e’ scomparsa, regge solo il PD ex democristiani ahaha

    Tu ridi perche sei incosciente, dovresti piangere se tu facessi una vera analisi della fine che hanno fatto i comunisti e i democristiani che hanno formato il PD abbandonando le categorie a basso reddito e privilegiando quelli con il naso all’insù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.