"I marò non rischiano | la pena di morte" - Live Sicilia

“I marò non rischiano | la pena di morte”

Emma Bonino

Ancora preoccupazione per la sorte dei marò in India. Ma arriva la smentita sulla possibile condanna a morte.

La smentita
di
4 Commenti Condividi

ROMA- L’ipotesi pena di morte per i marò torna ad agitare le acque italo-indiane. La polizia investigativa indiana Nia invocherebbe infatti la legge antipirateria, che comporterebbe la pena di morte. Ma la Bonino ed il governo di New Delhi escludono questa ipotesi.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    E’ allora datevi una mossa e li tirate fuoriiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    Non esageriamo, non la pena di morte. Se avranno l’ergastolo Monti, Alfano, Bonino e compgni potranno festeggiare. Un Paese come l’India, il paese della caste, degli intoccabili etc può benissimo infierire impunemente sui nostri governanti. Purtroppo ci stanno umiliando e i due nostri soldati, veri servitori della Patria, rischiano la pelle. Svegliamoci.

    Caro Angelo, sono d’accordo con te. Ho visitato l’India e sono tornato in Italia sconvolto. Milioni di persone che vivono per strada, lebbrosi, intoccabili e bambini mutilati dai parenti e obbligati all’accattonaggio (così suscitano la pietà e la generosità dei turisti) vacche che circolano per le strade della città, sporcizia e, di contro, riccastri arroganti. Ma come ha fatto Monti a rispedire i due marò, per ben due volte, in India? Due militari che hanno fatto soltanto il loro dovere e che poi sono stati obbligati ad ubbidire agli ordini di governanti imbelli (Monti e c) rischiando pene ingiuste e gravi, se non la vita. Vergogna. E la Bocassini, e i giudici di Milano che stanno a fare? Sono troppo impegnati contro Berlusconi, vero?

    La cosa più vergognosa di questa vicenda è sapere che la vita di due militari che servono l’Italia debba dipendere dalla Sig.a Bonino che a malapena saprà allacciarsi le scarpe la mattina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.