Il bambino alla guida del motoscafo il padre lo riprende con il cellulare VIDEO - Live Sicilia

Il bambino alla guida del motoscafo il padre lo riprende con il cellulare VIDEO

Nei giorni scorsi si sono già verificati episodi simili
ITALIA
di
3 Commenti Condividi

“Vai capitano, sei il più forte! E io sono il tuo marinaio“. Un video che ritrae un bambino alla guida di un motoscafo è stato pubblicato dal consigliere regionale della Campania Francesco Emilio Borrelli.

Il filmato, pubblicato su TikTok, mostra il padre incitare il bambino nonostante lui dica più volte “Non vedo, non vedo“. “Vedi vedi“, gli risponde il padre, che continua a riprendere. È il terzo episodio che viene pubblicato Si tratta infatti del terzo episodio di questo tipo verificatosi in Campania da inizio estate, ed ogni volta i papà hanno girato video finiti puntualmente su Tiktok e diventati virali.

Gli altri due casi sono avvenuti a Castellammare di Stabia e nelle acque del Golfo di Napoli. Nel primo episodio, datato 30 maggio, il papà dice al bimbo di “andare piano“, ma apprezza come si destreggia il figlio alla guida. Qualche giorno dopo scena identica. Un bimbo immortalato mentre guida un potente motoscafo nelle acque del Golfo.

Secondo il consigliere regionale “di fronte a questi episodi l’unica cosa da fare è risalire ai protagonisti e segnalare agli assistenti sociali il caso per verificare se i minori coinvolti non vengano obbligati anche in altri contesti a tenere comportamenti pericolosi per la loro incolumità per il mero divertimento degli adulti“.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
3 Commenti Condividi

Commenti

    complimenti al papa’ , ottimo educatore.

    Il vero problema sono i social che consentono senza alcuna censura di pubblicare e divulgare di tutto. C’è gente che ha rinunciato talmente alla propria privacy da pubblicare (firmandosi con nome cognome ed indirizzo) perfino le proprie prestazioni amorose coniugali…….

    Siete primi in tutto,nel male e nel peggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.