Il ministro all'Istruzione lascia| si dimette Fioramonti - Live Sicilia

Il ministro all’Istruzione lascia| si dimette Fioramonti

Ha lamentato la mancanza in manovra di fondi per la scuola e l'università. "Il governo doveva avere più coraggio"

GOVERNO
di
2 Commenti Condividi

Il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, a quanto confermano fonti di Palazzo Chigi, ha consegnato la lettera di dimissioni al premier Giuseppe Conte. Il ministro nelle ultime settimane ha più volte lamentato la mancanza in manovra di fondi per la scuola e l’università. Secondo quanto riferiscono diverse fonti di maggioranza, Fioramonti potrebbe lasciare il M5s per fondare un gruppo parlamentare autonomo, ma ‘filogovernativo’, come embrione di un nuovo soggetto politico. Da parte del governo ci sarebbe voluto ‘più coraggio’, ma ‘pare che le risorse non si trovino mai quando si tratta della scuola e della ricerca’.

Lorenzo Fioramonti lascia il suo incarico di ministro dell’Istruzione con una lettera al premier Conte, lamentando la mancanza di fondi in manovra per garantire quella che chiama ‘linea di galleggiamento’ finanziaria. ‘Eppure – osserva l’esponente 5Stelle – si recuperano centinaia di milioni di euro in poche ore da destinare ad altre finalità quando c’è la volontà politica’. Fiducia nel premier per la nuova nomina viene espressa da fonti 5Stelle: il governo è al lavoro e la scuola non può aspettare, sottolineano.

Ma è scontro nel M5s sulle dimissioni del ministro dell’Istruzione Fioramonti. ‘Trovo stucchevole che chi professa coraggio agli elettori poi scappi dalle responsabilità politiche. Se hai coraggio, non scappi’, scrive su Fb la ministra della Pa Fabiana Dadone, anche lei dei Cinque Stelle. ‘Se condividi davvero una battaglia, non scappi, ma mangi sale quando devi e porti avanti in progetto (ammesso che lo si abbia mai realmente condiviso). La coerenza è per lo più un pregio, ma a volte rischia di sconfinare nella sterile testimonianza che, peraltro, si addice poco a chi occupa posizioni di responsabilità’, aggiunge. In una lettera al premier Conte, Fioramonti ha spiegato la decisione di lasciare il governo con il ‘poco coraggio’ nell’assegnare risorse alla scuola.

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Che grande perdita. Speriamo che sia il primo di una lunga serie di inutili che stanno distruggendo l’Italia.

    se ha fatto caso, non vuol essere addidato come uno dei principali responsabili disastri della’Istruzione e dunque si dimette da ministri, nel contempo mi sembra che se lascia il gruppo, fonda un partito tutto suo sempre a sostegno del Governo Conte, che cosa vuol dire che nessuno di loro è fesso da dimettersi totalmente e andarsene dal governo e lasciare l’albero della cuccagna, sia Renzi ha formato un partito ed adesso Fioramonti probabilmente ne fonderà un altro, proprio per essere come renzi un altra leva importante come appunto Renzi da dover discutere le decisioni del governo che magari prima potevano fare affidamento su di Lui e sui presunti 10 che si vuol portare appresso, una specie di sfaldamento e ricompattamento a chi si frega di piu’ e i FESSI noi che come tanti IMBECILLI stiamo a pensare che facciano i Nostri interessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *